Marted 05 Luglio 2022

Cronaca

Rimuovono sigilli e manomettono il misuratore del consumo di gas metano: indagati per furto aggravato

07/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Rimuovono sigilli e manomettono il misuratore del consumo di gas metano: indagati per furto aggravato

Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato di Pescara, ha denunciato in stato di libertà due pescaresi per il reato di furto aggravato.

E’ stato in seguito ad un controllo del tecnico specializzato della rete di distribuzione del metano che è venuto alla luce l’anomalo approvvigionamento del gas presso due abitazioni private rispettivamente in Via del Santuario e in Strada Vecchia della Madonna. Un vero e proprio furto in quanto le utenze domestiche al quale erano collegati i contatori e gli impianti risultavano inattivi da diverso tempo.

Durante il controllo il tecnico ha mostrato agli agenti della Squadra Volante come in entrambi i casi era stato rotto il sigillo apposto all’atto dell’istallazione, ed all’interno dei contatori erano stati praticati dei fori artigianali per annullare la pressione interna con la conseguente inattivazione del sistema di misurazione che restava fermo.Anche in considerazione dell’aumento delle bollette di gas e luce, i furti di energia si stanno moltiplicando con ritmo serrato.

"Va sottolineato  - sottolinea una nota della Polizia - che il furto energia rappresenta una seria minaccia per la sicurezza e la salute delle persone poiché gli impianti manipolati per rubare l’energia spesso non soddisfano i requisiti standard e potrebbero provocare incendi o scosse elettriche letali".

 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Tantissimi gli attestati di cordoglio da parte del mondo culturale frentano e di quanti hanno avuto l'onore di conoscerlo e condividere con lui un percorso lavorativo e di studio.

L'Arma dei carabinieri si dimostra ancora una volta sensibile alle problematiche della cittadinanza e pronta a tendere una mano alle persone in difficoltà.

È successo venerdì mattina, intorno alle ore 10. Un uomo, disteso accanto alla sua auto, ha provato a tagliarsi le vene con un taglierino. Provvidenziale l’intervento delle Guardie Giurate Sicuritalia Ivri.

Secondo quanto emerso dalle indagini, eseguite dai Carabinieri e coordinate dalla Procura, l'arrestato avrebbe erogato alla vittima prestiti con tassi di interesse dal 100% al 400 % annuo.