Sabato 16 Gennaio 2021

Cronaca

Ricostruzione post terremoto,Il prefetto dell'Aquila adotta Interdittiva Antimafia nei confronti di un'impresa edile

14/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Ricostruzione post terremoto,Il prefetto dell'Aquila adotta Interdittiva Antimafia nei confronti di un'impresa edile

Un provvedimento frutto di una importante sinergia tra Prefettura Forze dell'ordine e DIA.

Il Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco, ha adottato un’interdittiva antimafia nei confronti di un’impresa edile operante nel settore della ricostruzione post terremoto. "Il provvedimento è giunto al termine di un intenso lavoro istruttorio frutto di una proficua sinergia tra la Prefettura, le Forze dell’Ordine territoriali e la Direzione Investigativa Antimafia e si inquadra anche nell’ottica della legalità nella ripresa delle attività connesse ai lavori nei cantieri. - si legge in una nota della Prefettura - Sul tema delle misure preventive di contrasto ai tentativi di penetrazione criminale nel processo di ricostruzione, continuano peraltro le riunioni del gruppo di lavoro tematico Lavori Pubblici e infrastrutture: incontri strutturati all’interno del Tavolo per il sostegno sociale e il rilancio dell’economia legale, organismo di dialogo e confronto tra Istituzioni, categorie produttive, parti sociali e rappresentanti del sistema finanziario e creditizio, fortemente voluto dal Prefetto Torraco".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila

Potrebbero interessarti

Gli agenti sono intervenuti in un parco pubblico cittadino frequentato da minori dopo aver ricevuto una segnalazione.

Sono 9 i decessi in Abruzzo.Scendono di 36 unità gli attualmente positivi in Abruzzo che sono complessivamente 11180

Immobili, società commerciali ed una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro sono stati sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Chieti ad un noto pregiudicato calabrese di anni 39, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in questa provincia.

Si è svolta questa mattina la conferenza di servizi decisiva dello Ministero dello Sviluppo Economico, una conferenza attesa da oltre due anni, per chiudere una procedura avviata nel 2014 dalla società Seastock per la realizzazione di un deposito GPL nel porto di Ortona e avallata con una delibera di giunta dall’allora amministrazione comunale guidata da Enzo d’Ottavio.