Mercoledì 28 Ottobre 2020

Cronaca

Ricercato dalla Svizzera per traffico di droga, arrestato dalla Polizia di Stato ad Ancona

16/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Ricercato dalla Svizzera per traffico di droga, arrestato dalla Polizia di Stato ad Ancona

Durante i controlli nell'ambito dell'operazione Stazioni Sicure, gli agenti della Polfer hanno arrestato l'uomo, un albanese di 27 anni, alla stazione di Ancona.

Era nella stazione di Ancona Centrale il 27enne Albanese ricercato dal mese di settembre dall’Autorità Giudiziaria Svizzera con un mandato di arresto internazionale per traffico di sostanze stupefacenti fra l’Albania e la Svizzera. Gli Agenti PolFer del Settore Operativo di Ancona C.le, nel pomeriggio di ieri, insospettiti da quell’uomo che si aggirava all’interno della stazione ferroviaria, hanno proceduto al controllo e dall’interrogazione in banca dati Schengen è emerso il provvedimento. Lo straniero, dopo gli accertamenti di rito sull’identità, è stato associato presso la Casa Circondariale di Ancona Montacuto, a disposizione della Corte di Appello di Ancona. Non è l’unico provvedimento eseguito dagli uomini della Polfer di Ancona . Nell’ambito della medesima operazione denominata “Stazioni Sicure”, svoltasi ieri 14 ottobre a livello nazionale, è stato adottato un provvedimento “daspo” urbano nei confronti di un 30enne italiano, che, in evidente stato di ubriachezza, infastidiva i viaggiatori presenti all’interno della stazione. 600 controlli e oltre 100 bagagli ispezionati questo è il risultato dell’attività conseguita dal Compartimento Polizia Ferroviaria nell’ambito delle 3 regioni di competenza territoriale Marche, Umbria e Abruzzo.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Rispetto a ieri si registrano 345 nuovi casi (di età compresa tra 1 mese e 104 anni). Dei nuovi casi, 128 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti.

“Apprendiamo con profondo dolore gli sviluppi dell’inchiesta della magistratura su alcuni episodi che sarebbero avvenuti nell’unità di cardiochirurgia del policlinico di Chieti. Abbiamo massima fiducia nel lavoro degli inquirenti e ci auguriamo che venga fatta piena luce su quanto accaduto nel più breve tempo possibile.

Nella mattinata odierna, militari del Comando Provinciale di Chieti unitamente ai colleghi delle province di Pescara, Teramo, Macerata, Ascoli e Padova hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Chieti su richiesta della Procura della Repubblica di Chieti, nei confronti di 4 soggetti residenti in Abruzzo e nelle Marche, indagati a vario titolo per corruzione, falso, turbativa d’asta e omicidio colposo per una maxi frode sulla spesa sanitaria.

Il grido di dolore e di rabbia di baristi ristoratori e dei rappresentanti delle altre categorie interessate dalle chiusure previste dal nuovo decreto.