Venerdì 22 Gennaio 2021

Cronaca

Riapertura anno scolastico: visita negli Istituti della Provincia di Teramo per ascoltare i Dirigenti scolastici

24/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

Una mattina di ascolto, per verificare l’andamento del primo giorno di scuola in presenza e ascoltare i dirigenti scolastici.

I consiglieri provinciali e il Presidente hanno visitato i poli scolastici dell’ente dislocati in otto cittadine: “Non siamo riusciti ad andare dappertutto ma completeremo il giro nei prossimi giorni – commenta il consigliere delegato all’edilizia scolastica, Luca Frangioni che questa mattina ha visitato il “Comi”, l’Iti, il “”Milli, e il “Di Poppa” di Teramo – concentriamo la nostra attenzione alla risoluzione delle criticità ma in generale occorre rilevare lo sforzo e l’impegno compiuto da tutti, Provincia e Scuola, per far fronte in poche settimane ad un lavoro enorme”.


In 72 giorni (dal 14 Luglio, data di autorizzazione da parte del Ministero dell’Istruzione) l'ente ha speso 1.200.000 euro, compiuto 20 affidamenti, realizzato 63 aule nuove già pronte,11 laboratori, 10 servizi igienici. Nel report anche le questioni aperte e fra queste l'individuazione di due strutture in affitto, una per il Centro di Istruzione per adulti di Teramo ospitato nel Comi 2 e una per il "Curie" di Giulianova. “Proprio in queste ore sta maturando una soluzione per il Centro Istruzione per adulti – continua – da anni la Provincia se ne fa carico anche se la competenza dell’Istituto è del Comune capoluogo. Ieri Provincia e Comune si sono incontrati dal Prefetto, pensiamo di aver individuato un locale in affitto per sistemare almeno due aule del Cipia. La Provincia si farà carico dell’affitto con l’impegno da parte del Comune di rimborsare le spese nel caso il Ministero non ci riconoscesse l’esborso proprio perché si tratta di una scuola non di nostra competenza. Lo spostamento del Cipia è strategico perché solo così possiamo trasferire al Comi 2 un pezzo dello Scientifico Einstein e liberare lo spazio per alcune classi dell’Iti Alessandrini- Marino. Se l’operazione va in porto in capo a una decina di giorni potremmo sistemare tutte le classi”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Le indagini da parte degli agenti del commissariato sono scattate dopo la denuncia di Poste Italiane.

Nella giornata di ieri, la D.I.G.O.S della Questura di Pescara insieme al personale del Servizio per il Contrasto all’Estremismo e Terrorismo Esterno della DCPP/UCIGOS ha eseguito l’ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo de L’Aquila, a carico di un 24enne, cittadino italiano, di origini abruzzesi, ma nato e residente in Svizzera, per aver partecipato ad un’associazione terroristica di matrice islamica quale Jabhat Al Nusra - affiliata al movimento terroristico Al Qaeda - e per aver diffuso attraverso la piattaforma del social network Facebook alcuni video inneggianti allo Stato Islamico.

All'alba di martedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, coadiuvati dai Reparti alla sede di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pescara – Dr.ssa Antonella Di Carlo – nei confronti di tre cittadini italiani, membri di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti e di armi fra la Lombardia e l’Abruzzo.

L’arresto, operato da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara e dalla Sezione di Teramo, è stato effettuato all’esito della perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della Procura della Repubblica di L’Aquila, durante la quale gli operatori di polizia hanno sequestrato una notevole quantità di dispositivi informatici, tra PC, Tablet e Chiavette USB.