Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Recuperati ieri in tarda serata infreddoliti e spaventati due escursionisti toscani, smarriti sul Morrone

08/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Recuperati ieri in tarda serata infreddoliti e spaventati due escursionisti toscani, smarriti sul Morrone

Erano partiti dalla Badia di Sulmona (Aq), i due escursionisti toscani, una coppia di fidanzati di 28 e 32 anni, hanno percorso il Sentiero dello Spirito sul Morrone ed erano diretti a Rocca Caramanico (Pe). Purtroppo però la coppia toscana ha perso l’orientamento e ha imboccato un sentiero sbagliato che li ha portati in quota, nel territorio di Salle (Pe) a 1.900 metri di altezza.

A quel punto i due si sono spaventati, anche perché era ormai buio, così hanno allertato il Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo e grazie alla posizione inviata dal cellulare, gli uomini del Soccorso Alpino sono riusciti a recuperarli venerdì sera verso le 23, dopo aver percorso un tratto in fuoristrada e un lungo tratto a piedi, a causa dell’impossibilità di proseguire in jeep. 

Quando l’equipe del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo li ha trovati, i due escursionisti toscani erano infreddoliti, anche perché indossavo abiti leggeri, ed erano molto spaventati. Subito la coppia è stata soccorsa e accertato che stava bene, è stata accompagnata dal Soccorso Alpino all’alloggio a Rocca Caramanico (Pe). 

Sempre validi i consigli dell’equipe del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo per affrontare la montagna in sicurezza. 

“Occorre innanzitutto - precisa Daniele Perilli, presidente del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo - una adeguata preparazione fisica; bisogna occorre comunicare il luogo dell’escursione e il presunto orario di rientro; scegliere abbigliamento e attrezzature tecniche idonei alla destinazione; portare sempre il cellulare e una piccola dotazione di primo soccorso; controllare sempre il meteo prima di affrontare un’escursione o una scalata; studiare i percorsi e avere le cartine della zona scelta per l’escursione; portare bevande ed alimenti idonei; se non si ha esperienza, affidarsi alle guide alpine o agli accompagnatori di media montagna. Scaricare inoltre l’App Georesq per essere localizzati, che è gratuita per soci del Cai; in caso di necessità chiamare il 118 e attivare il Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.

L'associazione ambientalista esegue una ricognizione e scopre una situazione sconcertante con la scoperta di sversamenti illeciti.