Mercoledì 27 Maggio 2020

Cronaca

Recuperata sulla A14 dalla Polizia stradale di Vasto auto rubata ad Ancona

04/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Recuperata sulla A14 dalla Polizia stradale di Vasto auto rubata ad Ancona

Alla guida del mezzo rubato un uomo di Cerignola che è stato arrestato

La notte scorsa gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Vasto Sud, coordinati dal Vice Ispettore Luca DI Paolo , hanno recuperato sull'autostrada A14 nei pressi del casello di Val Di Sangro , direzione Sud, un autovettura Citroen C3 rubata nella notte ad Ancona. Verso le  4:00 gli agenti hanno notato transitare all’altezza del casello di Lanciano un’autovettura di nuova immatricolazione che procedeva a velocità sostenuta verso Sud. Insospettiti, si sono messi all’inseguimento del mezzo ed anche con l’ausilio dei sistemi di rilevamento targhe, hanno immediatamente capito che si trattava di un mezzo rubato. Sono stati allertati anche gli uomini della squadra di Polizia Giudiziaria della Sottosezione di Vasto Sud e poco dopo gli Agenti sono riusciti a fermare il veicolo rubato e a bloccare il conducente. L' uomo di 30 anni residente a Cerignola(FG) è stato posto in stato di arresto e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Lanciano, che ha disposto il giudizio in “direttissima” a suo carico. Come disposto dal Dirigente Provinciale della Polizia Stradale, Vice Questore Aggiunto Fabio Polichetti, continuano senza sosta i controlli della Polizia Stradale di Vasto Sud nell’ azione contrasto ai furti nazionali ed internazionali di veicoli che, transitando in A/14, hanno come destinazione finale i mercati della vicina Puglia.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nessun nuovo decesso rispetto a ieri, 140 dimessi guariti in 24 ore. In Abruzzo i positivi sono attualmente 909

L'importante indagine avviata nel 2019 dai carabinieri della Compagnia di Giulianova e coordinata dalla Procura di Teramo ha permesso di sgominare una banda dedita al traffico di droga

Una mandria di bovini ha sconfinato, senza alcuna autorizzazione e soprattutto senza controllo, in un’area del Parco con circa un mese di anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi in località Templo, nel Comune del Gioia dei Marsi, dove i bovini si sono recati perché incustoditi nell’area di svernamento, ubicata più a valle.

Guarite 45 persone in più rispetto a ieri, mentre tocca quota 400 il numero dei decessi dall'inizio dell'emergenza, più 2 rispetto a ieri