Venerdì 20 Settembre 2019

Cronaca

Pescasseroli, famiglia di orsi perde un cucciolo

11/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescasseroli, famiglia di orsi perde un cucciolo

L’orsa Sebastiana inseguita a Pescasseroli da un’auto ha perso uno dei cuccioli. Dopo 20 giorni di ricerche sarà difficile trovare l’orsetto e ricomporre la famiglia.

Stiamo parlando di quanto accaduto nella notte tra il 24 ed il 25 agosto quando a Pescasseroli, un’auto con delle persone a bordo avvista una famiglia di orsi, mamma e tre cuccioli e si da al loro inseguimento. Mamma orsa impaurita inizia una disperata fuga cercando di farsi seguire dai suoi piccoli,ma sono attimi frenetici e solo uno di loro riesce a starle accanto, gli altri due si smarriscono. Da allora, nonostante le ricerche, la bella famiglia di orsi non si è mai ricongiunta totalmente. A renderlo noto è il Parco nazionale Abruzzo Lazio e Molise che annuncia come la vicenda, il cui video è diventato virale sui social suscitando stupore ed ilarità da parte di molti, non si è conclusa a lieto fine perché l’orsa ha perso uno dei suoi tre cuccioli. Il Parco ricostruisce così cosa è accaduto quella notte.  "Guardando il video è stato possibile identificare l’orsa, una femmina F08, nota come Sebastiana, che risultava avere 3 cuccioli. E gli altri 2? Si sono probabilmente nascosti dopo essersi persi per le vie del paese. Infatti, la notte del 25 si sono avventurati nuovamente tra le vie di Pescasseroli in cerca della madre, ma di nuovo sono stati inseguiti da persone a piedi e in macchina, e così si sono separati. Questa volta gli operatori del Parco ricevono la notizia in tempo reale e si attivano per provare a recuperare e mettere al sicuro i piccoli, con lo scopo di favorire il ricongiungimento con la madre. Sfortunatamente la ricerca non dà risultati. 

Da quel momento in poi- continua la nota- il Parco attiva un monitoraggio costante, all’alba e al tramonto, delle zone frequentate da Sebastiana. Mercoledì 28 agosto arriva un segnale incoraggiante: durante un’osservazione assistiamo infatti al ricongiungimento di 1 cucciolo. Ma i conti si fermano a 2. E cosi, per diversi giorni, Sebastiana è avvistata in più occasioni, ma sempre solo con 2 cuccioli. Del terzo cucciolo nessuna traccia. Quindi né gli sforzi degli operatori né quelli di mamma orsa hanno portato finora a risultati, e a distanza di 20 giorni, le possibilità di ricongiungimento si riducono sempre più drasticamente.” 

Il Parco sottolinea che La “perdita” di un cucciolo di orso bruno marsicano può essere un evento naturale. Sono soprattutto i maschi adulti a forzare la separazione, a volte violentemente, con uccisione dei piccoli per accoppiarsi con la femmina adulta, ma non dovrebbe mai succedere per colpa di un’azione umana. “ Probabilmente - si legge nella nota- chi ha inseguito gli orsi non si è reso conto del danno che stava creando. Non ha compreso la drammaticità della situazione: la separazione dei cuccioli dalla madre. 

Speriamo almeno che questo episodio possa in qualche modo veicolare un messaggio forte ed importante. Se avete la fortuna di vedere un animale selvatico, un orso, ma anche altre specie, rallentate, fermate la macchina e rimanete in silenzio, osservatelo a distanza. Non seguitelo per nessuna ragione. L’orsa Sebastiana è una femmina nota dal 2008, e negli anni ha fatto nascere ben 8 cuccioli, e questo è il suo primo cucciolo perso. 

Non è un’orsa che frequenta i centri abitati, ma come altri orsi può capitare che li attraversi per spostarsi da una valle all’altra. Non avrebbe abbandonato i cuccioli se non fosse stata spaventata dagli inseguitori. E se non fossero stati terrorizzati e divisi i due cuccioli la notte successiva, probabilmente ora la famiglia sarebbe tornata al completo. Tutto questo avrà avuto un senso solo se ci aiuterà a riflettere e a prendere consapevolezza delle nostre azioni.”

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

orsi

Potrebbero interessarti

Nel pomeriggio di ieri la Polizia di Stato ha tratto in arresto S.G, 46 anni, di Pescara, destinatario di ordine di carcerazione, dovendo scontare 14 anni e 4 mesi di reclusione.

Attivazione del servizio dedicato alla gestione degli aspetti assicurativi dell’incidente del 17 settembre a Caprara 2019

17enne aggredito durante la "nottata". I Carabinieri individuano gli autori. Tre 19enni denunciati per lesioni aggravate.

I Carabinieri della Stazione di Cupello, nel corso di ordinari servizi di controllo del territorio eseguiti tra i comuni di Cupello e Monteodorisio, hanno tratto in arresto nella serata del 17 settembre 2019 una persona per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.