Marted 20 Ottobre 2020

Cronaca

Pescara, scoperta dai Carabinieri Forestale una discarica abusiva di rifiuti pericolosi a San Silvestro

24/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, scoperta dai Carabinieri Forestale una discarica abusiva di rifiuti pericolosi a San Silvestro

Denunciato un 40enne di Francavilla al Mare. Rischia l'arresto fino a tre anni di carcere.

I Militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale – Nipaaf del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, in stretta collaborazione con il locale 5° Nucleo Elicotteri Carabinieri – Nec, hanno denunciato alla Procura della Repubblica del capoluogo adriatico B. A., quarantenne di Francavilla al Mare (CH) per aver realizzato una discarica abusiva di circa 1.000 metri quadrati in località “Colle San Silvestro” di Pescara.

Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Pescara, Dott. Luca Sciarretta, hanno permesso di individuare su un terreno agricolo di un’ignara ed incolpevole proprietaria, un ammasso di 35.640 Kg di rifiuti pericolosi e non, costituiti da batterie esauste di veicoli, parti di veicoli fuori uso, vetri, materiali ferrosi, legnosi e plastici, rifiuti misti dell’attività di costruzione e/o demolizione, apparecchiature elettriche fuori uso, anche contenenti clorofluorocarburi. La titolare dell’area ha prontamente provveduto a ripulire il terreno a proprie spese, sgomberandolo in modo regolare dai rifiuti illecitamente accumulati in un periodo di tempo relativamente breve, scongiurando così effetti nocivi per l’ambiente circostante ed evitando, inoltre, il sequestro del terreno stesso. “L’autore della discarica abusiva, invece”, ha dichiarato il Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, “rischia l’arresto fino a tre anni ed un’ammenda fino a cinquantaduemila euro”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Carabinieri

Potrebbero interessarti

Menna: importante la collaborazione con la cittadinanza e forze dell’ordine

Un episodio di violenza, scaturito da futili motivi, che ha causato il ferimento ad un occhio di un 14enne.

Continuano ad essere sentiti dai carabinieri i testimoni per avere un quadro chiaro della vicenda e delle responsabilità ma sembrerebbe che l'autore del cazzotto sia stato individuato.

Dei nuovi casi, 85 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti.