Marted 23 Luglio 2024

Cronaca

Pescara, i Finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale sequestrano circa 174.000 Kg di rifiuti speciali

03/11/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, i Finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale sequestrano circa 174.000 Kg di rifiuti speciali

I rifiuti, trovati in un'area in provincia di Ancona, sono derivanti da materiale plastico di recupero. Denunciato all'Autorità Giudiziaria competente il rappresentante legale della società.

Attraverso una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica de L’Aquila, i militari del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara hanno individuato una estesa area adibita allo stoccaggio incontrollato di rifiuti presso una azienda insistente nel comune di Monte San Vito (AN).

 

 

 

La ricostruzione dei flussi finanziari, operata dai militari della Sezione Aerea di Pescara e connessa alla movimentazione dei rifiuti sul territorio nazionale, è risultata determinante per l’individuazione di 425 imballaggi – tipo “Big Bags” – contenenti rifiuti speciali derivanti da materiale plastico di recupero. Al termine del controllo, svolto il 22 ottobre scorso, che ha visto il supporto del Reparto del Corpo territorialmente competente, è stata eseguita la misura cautelare del sequestro ex art. 321 c.p.p. applicata a circa 174.000 Kg di rifiuti speciali. Parallelamente, il rappresentante legale della società è stato denunciato alla Autorità Giudiziaria competente per le violazioni di cui al D.Lgs. 152/06 – “Testo Unico Ambientale”. L’attività svolta è solo l’ultima, in ordine di tempo, di una mirata azione condotta dai militari del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza per contrastare il fenomeno dei reati ambientali e i traffici illeciti di rifiuti ai fini della tutela del demanio e del patrimonio dello Stato.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Raccolti gravi indizi di colpevolezza nei confronti degli arrestati. 76 gli indagati.

Le condizioni dell’uomo sono parse subito gravi dopo la caduta violenta sull’asfalto.

Due diportisti della provincia di Chieti sono stati salvati dalla Capitaneria di Porto di Ortona (Chieti) dopo che la loro barca si è rovesciata per il mare mosso.

Le indagini erano partite ad Aprile dopo l’aggressione per rapina di uno straniero da parte dei tre.