Marted 02 Marzo 2021

Cronaca

Pescara, denuncia per ricettazione con sequestro monopattini elettrici e biciclette

08/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, denuncia per ricettazione con sequestro monopattini elettrici e biciclette

Il 113 ha ricevuto alcune segnalazioni di persone sospette in un condominio di via Tavo. La Squadra Volante, giunta sul posto, ha notato un uomo che, accortosi della pattuglia, ha cercato di eludere il controllo entrando in uno degli appartamenti.

Fermato e identificato per A.B., 36enne cittadino kosovaro, in possesso di regolare permesso di soggiorno, gli operatori hanno accertato che lo stesso era in possesso di un monopattino elettrico del valore di circa 500euro di cui non dava dimostrazione dell’acquisto, ma anzi ammettendo di averlo comprato da un nordafricano per il corrispettivo di 20euro.

I poliziotti hanno quindi effettuato una perquisizione nella sua abitazione durante la quale è stato rinvenuto un altro monopattino elettrico del valore di 500euro, una bici elettrica, 1 bicicletta sportiva ed uno smartphone dei quali il perquisito non è riuscito a documentare l’acquisto e la provenienza. Immediati accertamenti hanno permesso alla Squadra Volante di verificare che lo smartphone era stato rubato lo scorso 11 dicembre a Pescara, mentre uno dei 2 monopattini elettrici era stato rubato un giorno fa, sempre a Pescara. Lo smartphone e il monopattino sono stati quindi restituiti ai legittimi proprietari mentre A.B. è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per ricettazione.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Appello del sindaco: Stiamo molto attenti soprattutto i ragazzi. La Dad non autorizza i più grandi ad uscire. Chiedo ai genitori maggiori controlli.

Pupillo: "siamo in un momento delicato, comportamenti che hanno determinato la contagiosità del virus sono da criticare, sono da irresponsabili"

Il Coordinamento sottolinea: Ancora cemento sulla spiaggia, ancora a poca distanza dall'acqua. E il paesaggio? E il rischio erosione?

"Non esistono categorie e ordini professionali che possano usufruire di scorciatoie perché la Direzione Asl non le ha accordate ad alcuno, per rispetto scrupoloso delle regole e del diritto alla salute di tutti."