Sabato 04 Dicembre 2021

Cronaca

Pescara, arrestato dalla Polizia per violenza sessuale un cittadino camerunense

15/10/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, arrestato dalla Polizia per violenza sessuale un cittadino camerunense

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.

La  Polizia di Stato di Pescara ha sottoposto a fermo d’indiziato di delitto un camerunense di 27 anni, che si sarebbe reso autore di una violenza sessuale ai danni di una ventitreenne pescarese, percuotendola per costringerla ad un rapporto.

Lo straniero, che pochi giorni fa aveva ricevuto un permesso di soggiorno per protezione sussidiaria, era ospitato da un paio di settimane dalla giovane e dal suo coinquilino, in attesa di trovare un’altra sistemazione. Dopo l'episodio di violenza ai danni della giovane lo straniero era stato visto fuggire dalla finestra dell’appartamento. La mattina dell’12 ottobre, i familiari della vittima hanno segnalato al 113 la presenza dell'uomo per le vie del centro cittadino, non lontano dal luogo di lavoro della ragazza. Le volanti subito giunte sul posto sono riuscite a rintracciare l’autore della violenza. Visti gli elementi raccolti a carico del giovane, gli investigatori della Squadra Mobile, hanno tenuto opportuno sottoporlo a fermo e tradurlo in carcere. Nel corso delle indagini, peraltro, è emerso che il ragazzo era già stato indagato per una violenza sessuale avvenuta nel 2018 proprio a Pescara. Ieri il fermo è stato convalidato dal GIP che, ravvisando la fondatezza delle tesi investigative, nonché il pericolo di fuga e di reiterazione del reato, ha contestualmente disposto la custodia in carcere.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

114 pazienti (+4 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 9 (+1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 4593 (+217 rispetto a ieri)

In Abruzzo controllati 50 operatori sanitari, 35 non erano vaccinati e non erano stati ancora sospesi dalla Asl

110 pazienti (+1 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 8 (+2 rispetto a ieri) in terapia intensiva.

Nel corso delle indagini svolte dalla Sezione Fasce Deboli della Polizia di Stato, è stato possibile raccogliere le denunce di altri episodi analoghi, commessi dal diciassettenne nei confronti di altre minorenni, avvenuti sempre nel comune capoluogo.