Marted 02 Marzo 2021

Cronaca

Penne, denunciati per ricettazione di opere d'arte due 71enni, recuperati dai carabinieri due dipinti del 600

04/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Penne, denunciati per ricettazione di opere d'arte due 71enni, recuperati dai carabinieri due dipinti del 600

Erano appartenuti ai Principi di Stigliano ed erano stati trafugati nel febbraio del 2014 all'interno di una villa antica in provincia di Ancona.

Due conviventi, entrambi 71enni, residenti a Penne, sono stati denunciati dai Carabinieri del Norm della Compagnia di Pescara, coordinati dal tenente Giovanni Rolando, per il reato di ricettazione. I militari, dopo un'importante attività di indagine, hanno trovato, all'interno dell' abitazione della coppia, due dipinti realizzati con tecnica olio su tela, uno raffigurante "scena biblica", l'altro raffigurante "Madonna con Bambino e Santi", entrambi di autore sconosciuto e realizzati nei primi del '600. I Carabinieri della Compagnia di Pescara, grazie anche alla  collaborazione dei Carabinieri della Tutela Patrimonio Culturale di Ancona, sono riusciti a risalire  alla provenienza delle opere d'arte. I due dipinti infatti risultano trafugati nel febbraio del 2014 all'interno di una villa antica in provincia di Ancona. E sono appartenuti ad una delle più antiche famiglie nobili europee, i Principi di Stigliano, nobile casato di origini napoletane. Le indagini dei militari dell'Arma erano partite subito dopo la denuncia di furto presentata dalla moglie di Don Landolfo 11/o Principe di Stigliano. I carabinieri hanno provveduto a restituire i dipinti alle due eredi della famiglia. 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Carabinieri Pescara furti

Potrebbero interessarti

Appello del sindaco: Stiamo molto attenti soprattutto i ragazzi. La Dad non autorizza i più grandi ad uscire. Chiedo ai genitori maggiori controlli.

Pupillo: "siamo in un momento delicato, comportamenti che hanno determinato la contagiosità del virus sono da criticare, sono da irresponsabili"

Il Coordinamento sottolinea: Ancora cemento sulla spiaggia, ancora a poca distanza dall'acqua. E il paesaggio? E il rischio erosione?

"Non esistono categorie e ordini professionali che possano usufruire di scorciatoie perché la Direzione Asl non le ha accordate ad alcuno, per rispetto scrupoloso delle regole e del diritto alla salute di tutti."