Venerdì 19 Luglio 2024

Cronaca

Orsogna, condannato in via definitiva un agricoltore per droga e detenzione illegale di armi

01/11/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Orsogna, condannato in via definitiva un agricoltore per droga e detenzione illegale di armi

Cinque anni fa nell'abitazione dell'uomo i carabinieri trovarono una piantagione di marijuana, armi e munizioni, per questo finì nei guai insieme al figlio.

I carabinieri della stazione di Orsogna hanno tratto in arresto C.B., 67enne agricoltore di Orsogna già gravato da diversi precedenti. L’uomo è stato condannato in via definitiva alla pena di due anni e tre mesi di reclusione per coltivazione e detenzione illegale di stupefacenti, di armi e munizioni.

I fatti che hanno portato alla condanna risalgono al mese di settembre di cinque anni fa, quando i carabinieri di Orsogna e del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Ortona bussarono alla porta di C.B. e del figlio E.B. per eseguire una perquisizione della loro abitazione ed annessi agricoli in quanto dalle indagini svolte, era emerso che i due potevano avere realizzato una piantagione di marijuana ed occultare armi illegalmente detenute.

La laboriosa perquisizione dell’area alquanto estesa aveva infatti confermato gli esiti delle indagini a monte della perquisizione: nelle campagne attorno la loro casa i carabinieri avevano trovato una rigogliosa piantagione di marijuana mentre negli annessi agricoli recuperato alcune armi e munizioni detenute illegalmente. All’epoca entrambi erano stati arrestati in flagranza di reato e quindi condannati in via definitiva, ma mentre il figlio ha potuto usufruire della sospensione condizionale della pena, il padre, per i suoi trascorsi con la giustizia, dovrà scontare la pena in detenzione domiciliare presso la sua abitazione di Orsogna.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Orsogna Carabinieri droga

Potrebbero interessarti

Anche nell’estate 2024 la Polizia di Stato accompagnerà il viaggio di quanti approfitteranno della bella stagione per visitare le principali località turistiche italiane.

Il tribunale di Pescara ha condannato a dieci anni e quattro mesi di reclusione Nico Fasciani, 25 anni, di Civitaquana (Pescara) al termine del processo con rito abbreviato per il duplice tentato omicidio nei confronti di uno zio, Giancarlo Fasciani (57), e della compagna di quest'ultimo, Paola De Palma (30) feriti gravemente, a colpi di pistola, il 17 maggio 2023.

Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Chieti, l'ultima prima della pausa estiva, per il processo per l'agguato sulla Strada Parco a Pescara del primo agosto del 2022 in cui venne ucciso l'architetto Walter Albi e rimase gravemente ferito l'ex calciatore Luca Cavallito.

Una lettera per documentare, anche con grafici e dati precisi, la condizione attuale in merito alla disponibilità della risorsa. E’ una vera e propria emergenza idrica per 49 comuni della provincia di Chieti alle prese con una programmazione di interruzioni della fornitura che non si verificava da anni.