Sabato 21 Maggio 2022

Cronaca

Nave diretta in Russia detenuta nel porto di Ortona

09/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Nave diretta in Russia detenuta nel porto di Ortona

Continuano le criticità per la NS Sabina, la nave di bandiera panamense, e diretta in Russia, che venerdì scorso in porto ad Ortona è stata interessata da un principio d’incendio.

Le ispezioni di sicurezza della navigazione, infatti, disposte dalla Capitaneria di Porto di Ortona per verificare se vi fossero stati danni alle strutture a seguito dell’incendio, o comunque carenze nei sistemi di sicurezza di bordo che potessero aver facilitato l’evento, si sono concluse nel fine settimana, ed hanno portato alla luce diverse deficienze che, per il diritto marittimo internazionale, sono causa di detenzione.

La nave, quindi, con un provvedimento reso noto anche allo Stato di bandiera, ossia, Panama, oltre che alla società armatrice ed all’agenzia raccomandataria marittima, è stata “detenuta”, impossibilitata cioè a lasciare il porto fino ad avvenuta regolarizzazione di tutte le anomalie riscontrate.

Tra le deficienze che sono state rilevate dagli ispettori PSC, personale del Corpo delle Capitanerie di Porto con formazione specifica in materia di sicurezza della navigazione, rilevano in particolare lo stato di addestramento dell’equipaggio, in diversi casi rivelatosi non adeguato, ma soprattutto la non conformità dell’impianto antincendio di bordo, risultato con diverse carenze e malfunzionamenti.

La detenzione della nave è uno strumento previsto da apposite convenzioni internazionali di diritto marittimo, ed ha lo scopo di obbligare armatori e proprietari di navi ad adeguarsi agli standard di sicurezza previsti per Legge, pena l’esclusione della nave dall’acceso in tutti i principali porti a livello globale.

Resta invece ancora da definire l’aspetto relativo alle merci imbarcate a bordo del mercantile e destinate a Temryuk, porto russo.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Ortona Guardia Costiera

Potrebbero interessarti

Un’automobile parcheggiata in discesa, si mette improvvisamente in marcia e finisce la sua corsa nell’area esterna di un asilo dove in quel momento stava giocando un gruppo di bimbi travolgendoli

Peste suina alle porte della regione. Mette in guardia la Cia Agricoltori-Italiani Abruzzo sul rischio che il contagio possa estendersi nei suini da allevamento e nei cinghiali anche in Abruzzo, vista la situazione epidemiologica nel vicino Lazio.

Un’automobile parcheggiata in discesa, si mette improvvisamente in marcia e finisce la sua corsa nell’area esterna di un asilo dove in quel momento stava giocando un gruppo di bimbi travolgendoli.

Intanto la Asl offre la possibilità di sottoporsi a test antigenici gratuiti presso gli hub vaccinali di Lanciano e Chieti.