Mercoledì 06 Luglio 2022

Cronaca

Morta a Chieti la giornalista Simona Petaccia

24/08/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Morta a Chieti la giornalista Simona Petaccia

Si è spenta ieri notte all’ospedale di Chieti la giornalista Simona Petaccia

Giornalista di grande sensibilità era presidente della Onlus Diritti Diretti che ha ricevuto Anche un premio di rappresentanza dal Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, che ha voluto destinare una medaglia alla cerimonia di consegna dei riconoscimenti relativi al 4° premio 'Turismi accessibili”. Simona ha ricoperto importanti ruoli regionali e nazionali nel mondo della comunicazione. Di recente aveva partecipato come relatrice al Meet Lucca Tourism. Simona Petaccia presentava così il sito della sua associazione:" Il mio lavoro consiste nel far comprendere che progettazione universale significa qualità e sviluppo socio-economico per la comunità e l'imprenditoria, non solidarietà verso i disabili o semplicemente un obbligo di legge. Attraverso la mia attività, accelero quindi il processo che conduce verso città accoglienti per i cittadini che le abitano e per i turisti che le visitano, indipendentemente da età, condizioni di salute, particolari scelte, allergie o intolleranze alimentari". Tanti gli attestati di cordoglio per la morte della Giornalista conosciuta è stimata da tutti. I funerali si terranno domani, 25 agosto, alle 15,30, nella chiesa della SS. Trinità, in Piazza Trento e Trieste, di Chieti.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti

Potrebbero interessarti

L'uomo, utilizzando impropriamente le generalità di un professionista romano, ha tentato di raggirare i rappresentanti della società facendo credere loro di essere un professionista di esperienza trentennale.

1.015 nuovi casi, aumentano i ricoveri e si registrano 4 decessi.

Indagine sull’origine delle fiamme, domate grazie all'intervento di un elicottero dei Vigili del Fuoco. Possibile il dolo.

Tantissimi gli attestati di cordoglio da parte del mondo culturale frentano e di quanti hanno avuto l'onore di conoscerlo e condividere con lui un percorso lavorativo e di studio.