Mercoledì 25 Novembre 2020

Cronaca

Monte Sevìce, escursionista scivola e si ferisce: allarme lanciato con GeoResQ.

12/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Monte Sevìce, escursionista scivola e si ferisce: allarme lanciato con GeoResQ.

Scivolato in prossimità della Capanna Sevìce, sul monte omonimo del gruppo Sirente Velino, un escursionista residente a Roma di 53 anni è stato soccorso nel pomeriggio di oggi dall’elicottero del 118 di stanza a L’Aquila.

L’incidente è avvenuto a circa 2100 m s.l.m., quando in compagnia di altri cinque escursionisti l’uomo stava scendendo lungo un pendio lievemente innevato. Improvvisamente è scivolato su un tratto ghiacciato ed è andato giù per una sessantina di metri, riportando un trauma importante agli arti inferiori. Collocato sulla barella e recuperato per mezzo del verricello, è stato quindi trasportato all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. A dare l’allarme è stata una persona che ha assistito all’incidente, servendosi dell’applicazione per smartphone GeoResQ, il servizio di geolocalizzazione e d’inoltro delle richieste di soccorso gestito dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e promosso dal Club Alpino Italiano (CAI). GeoResQ consente di determinare la propria posizione geografica, di effettuare il tracciamento in tempo reale delle proprie escursioni, inoltre garantisce l’archiviazione dei propri percorsi sul portale dedicato ed in caso di necessità l’inoltro degli allarmi e delle richieste di soccorso attraverso la centrale operativa dedicata.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

CNSAS

Potrebbero interessarti

Sono complessivamente 24288 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 640 nuovi casi (di età compresa tra 10 mesi e 100 anni).

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Teramo al termine delle indagini avviate dopo alcune segnalazioni che denunciavano lo stato di evidente degrado delle pile dei viadotti della A24, e in particolare di quelli ricadenti nel territorio teramano.

L'uomo, un 38enne, ha detto agli agenti che si stava recando in una clinica, sita in un altro comune, per una visita, ma è stato sbugiardato da un controllo della Polizia.

Una decisione presa per precauzione. Le condizioni del manager sono buone.