Marted 21 Gennaio 2020

Cronaca

Monte Sevìce, escursionista scivola e si ferisce: allarme lanciato con GeoResQ.

12/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Monte Sevìce, escursionista scivola e si ferisce: allarme lanciato con GeoResQ.

Scivolato in prossimità della Capanna Sevìce, sul monte omonimo del gruppo Sirente Velino, un escursionista residente a Roma di 53 anni è stato soccorso nel pomeriggio di oggi dall’elicottero del 118 di stanza a L’Aquila.

L’incidente è avvenuto a circa 2100 m s.l.m., quando in compagnia di altri cinque escursionisti l’uomo stava scendendo lungo un pendio lievemente innevato. Improvvisamente è scivolato su un tratto ghiacciato ed è andato giù per una sessantina di metri, riportando un trauma importante agli arti inferiori. Collocato sulla barella e recuperato per mezzo del verricello, è stato quindi trasportato all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. A dare l’allarme è stata una persona che ha assistito all’incidente, servendosi dell’applicazione per smartphone GeoResQ, il servizio di geolocalizzazione e d’inoltro delle richieste di soccorso gestito dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e promosso dal Club Alpino Italiano (CAI). GeoResQ consente di determinare la propria posizione geografica, di effettuare il tracciamento in tempo reale delle proprie escursioni, inoltre garantisce l’archiviazione dei propri percorsi sul portale dedicato ed in caso di necessità l’inoltro degli allarmi e delle richieste di soccorso attraverso la centrale operativa dedicata.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

CNSAS

Potrebbero interessarti

Indelebile il ricordo di quel dramma con il dolore delle persone che hanno perso i propri cari e che chiedono ancora giustizia.

I carabinieri del nucleo antisofisticazioni hanno provveduto al sequestro di prodotti della filiera del latte e hanno sospeso alcune attività per carenze iginico sanitarie.

La donna è stata vittima di una lunga serie di maltrattamenti, lesioni e persecuzioni vere e proprie da parte dell’uomo durante una convivenza sempre più burrascosa e violenta, tanto da decidere di separarsene nel 2018.

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.