Lunedì 19 Aprile 2021

Cronaca

Lutto nel ciclismo abruzzese, addio ad Albino Di Matteo

28/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Lutto nel ciclismo abruzzese, addio ad Albino Di Matteo

Ha fatto conoscere la val Vibrata e l'Abruzzo al settore del ciclismo nazionale con i Trofei da lui organizzati per anni con successo.

"Ci lascia all’età di 61 anni Albino Di Matteo, il ciclismo abruzzese piange la scomparsa di una persona che ha fatto tanto per il movimento regionale e che si è arreso al Covid-19 all’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno dove era ricoverato da pochi giorni." Lo annuncia Federciclismo Abruzzo. Di rilievo la sua intramontabile passione per le due ruote che lo ha portato a dirigere il Pedale Santegidiese-Team Stipa Milano e l’aver scoperto talenti delle due ruote anche all’estero (lanciando nell’orbita dilettantistica gli argentini Yamil Tapia e Franco Orocito). Albino Di Matteo ha portato a far conoscere il territorio della Val Vibrata agli occhi del ciclismo nazionale con le tante edizioni del Trofeo Madonna dei Lumi a Civitella del Tronto e il Trofeo Città di Sant’Egidio alla Vibrata che è riuscito a mettere in cantiere quest’anno, nel dopo lockdown, per la categoria juniores come prova di campionato regionale FCI Abruzzo e campionato provinciale FCI Teramo. Le esequie sono in programma oggi pomeriggio alle 14:30 nella chiesa di San Giuseppe a Paolantonio di Sant’Egidio alla Vibrata, nel rispetto delle attuali normative anti Covid-19 che prevedono un numero strettamente limitato di presenze. "Il comitato regionale FCI Abruzzo e tutti gli addetti ai lavori del ciclismo regionale abruzzese si stringono al dolore della famiglia porgendo le più sentite condoglianze in questo momento di infinita tristezza".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo Ciclismo

Potrebbero interessarti

Il Legale Sergio Della Rocca: “Siamo soddisfatti, nessun atteggiamento pregiudiziale”.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 17 nuovi casi. Scende di 12 unità il numero dei ricoveri in terapia intensiva.

I genitori della psicologa massacrata fino alla morte da Giovanni Iacone chiedono che venga annullata la sentenza della Corte d'appello che ha ridotto la pena da 30 a 17 anni.