Venerdì 04 Dicembre 2020

Cronaca

Lega Giovani Lanciano: “Massima solidarietà alla responsabile del canile Adele Saltarella per le minacce subite”

26/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Lega Giovani Lanciano: “Massima solidarietà alla responsabile del canile Adele Saltarella per le minacce subite”

Lega Giovani Lanciano esprime massima solidarietà ad Adele Saltarella per aver subito minacce da un ragazzo che voleva adottare a tutti i costi cani e gatti per poi ucciderli.

“Quanto accaduto alla responsabile del canile municipale, Adele Saltarella, è qualcosa di inconcepibile - afferma il responsabile cittadino della Lega Giovani Alessandro Staniscia - Nonostante le numerose segnalazioni fatte dalla responsabile, né il comune né altre istituzioni hanno preso atto di ciò che stesse accadendo. Nulla è stato fatto, lasciandola sola in preda a uno squilibrato. Chiediamo, dunque, al sindaco Mario Pupillo e a tutte le istituzioni competenti di provvedere immediatamente alla tutela della responsabile e di tutto lo staff che lavora al canile municipale, prima che la situazione sfugga di mano e succeda l’irreparabile”. “È un chiaro ed evidente istinto omicida - prosegue la coordinatrice provinciale della Lega Giovani Gloria Verratti - un comportamento del genere non è affatto da sottovalutare. Segnali di questo tipo dovrebbero piuttosto farci capire che ci troviamo di fronte ad un individuo che potrebbe rendersi responsabile di atti estremamente violenti anche nei confronti delle persone”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Cani

Potrebbero interessarti

Nei guai un 40enne di Santa Maria Imbaro ed un 42enne di nazionalità romena.

In 4 delle aziende ispezionate dalla Fiamme Gialle sono state rilevate anche violazioni delle norme anticovid.

Scendono a 74 i ricoveri in terapia intensiva, meno 2 rispetto a ieri ma sempre alto il numero dei decessi 21 nuovi casi.

La Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare adottato dal G.I.P. del Tribunale di Pescara (dr. Nicola Colantonio) nei confronti di un 43enne residente a Montesilvano.