Marted 22 Giugno 2021

Cronaca

Lavoratrice licenziata perché in gravidanza,l'assessore Verì chiede chiarimenti alla ASl 1

06/05/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Lavoratrice licenziata perché in gravidanza,l'assessore Verì chiede chiarimenti alla ASl 1

L'assessore alla salute della regione Abruzzo sottolinea " Episodio da censurare con fermezza" ed annuncia provvedimenti disciplinari.

“Ho già chiesto alla direzione generale della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila di fornirmi una relazione puntuale sulla vicenda della lavoratrice a cui non sarebbe stato rinnovato il contratto perché in gravidanza”. Lo fa sapere l’assessore alla Salute e alle Pari Opportunità, Nicoletta Verì, dopo la sentenza della magistratura che ha imposto all'azienda sanitaria la riassunzione della lavoratrice. “Attendiamo che la Asl ci chiarisca i dettagli dell’accaduto – continua l’assessore – che, se confermato nelle modalità emerse nelle ultime ore, rappresenterebbe un episodio da censurare con fermezza e sul quale proporremo l’adozione di ogni utile provvedimento disciplinare nei confronti dei responsabili”.

L'azienda sanitaria è stata condannata ieri dal giudice del lavoro perchè non avrebbe rinnovato il contratto ad una assistente sociale, operante presso il Consultorio di Civitella Roveto, perchè incinta. L'incarico in scadenza il 27 ottobre non è stato rinnovato per un atto che viene definito nella sentenza del giudice "discriminatorio". Il giudice ha intimato all'azienda sanitaria di prorogare alla donna  il contratto a tempo determinato per ulteriori sei mesi.  

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

A scovare uno zaino con dentro gran parte della sostanza è stato il cane poliziotto dell'unità cinofila Ayrton

Il bilancio dei pazienti deceduti non registra alcun nuovo caso, un nuovo ingresso in terapia intensiva

La Asl Lanciano Vasto Chieti mette a disposizione 12mila vaccini da inoculare entro il 1 luglio