Mercoledì 20 Gennaio 2021

Cronaca

Lanciano, tutti negativi al Covid i frati della Parrocchia di Sant’ Antonio, la chiesa riapre per accogliere i suoi fedeli

04/12/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, tutti negativi al Covid i frati della Parrocchia di Sant’ Antonio, la chiesa riapre per accogliere i suoi fedeli

Stamane campane a festa per annunciare alla comunità l’importante e tanto attesa notizia che rincuora in vista del Natale.

La città di Lanciano si è svegliata con il suono delle campane a festa della Chiesa di Sant’Antonio di Padova, che era stata costretta a chiudere i battenti il 15 novembre scorso e ad interrompere le celebrazioni liturgiche per la positività al virus di un frate minore ed il successivo contagio di altri religiosi del Convento. Una notizia che aveva toccato molto i migliaia di fedeli per i quali la parrocchia rappresenta un punto di riferimento e di conforto, soprattutto in un periodo così difficile a causa dell’emergenza Coronavirus e delle numerose restrizioni imposte dal Governo che stanno fortemente destabilizzando in particolare le persone più anziane, costrette a non poter vedere ed abbracciare i propri cari per il timore di essere contagiate e che grazie alla fede in Dio ed alle parole dei frati,nel corso delle messe giornaliere, riescono a trovare la forza interiore e a sentirsi meno sole. La chiesa dunque spalanca le sue porte ai fedeli, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti, e riprende le celebrazioni liturgiche. I frati, dopo il periodo di quarantena, sono tutti risultati negativi al virus nell’ultimo tampone eseguito e tornano alle attività religiose a supporto dei tanti parrocchiani. Quest’anno le festività natalizie saranno diverse e dovranno essere vissute con ancora più sobrietà, riflettendo sul valori più importanti e soprattutto sulla difesa della salute e della vita. Il ruolo della chiesa, per chi ha fede, sarà fondamentale ma anche molto difficile.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Questa mattina, a Montesilvano, è stato effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio per contrastare l’illegalità diffusa, soprattutto i reati di tipo predatorio (furti, scippi, rapine), lo spaccio di droga.

L’assessore Nicoletta Di Nisio ha conferito questa mattina - nel corso di una breve cerimonia tenutasi presso la Sala giunta di Palazzo di città - la qualifica di Ufficiale di polizia giudiziaria ad altrettanti giovani che, senza nascondere un po’ di emozione, hanno pronunciato il giuramento di rito prima di ricevere il tesserino che attesta il nuovo ruolo.

Si erano chiusi in piena notte all’interno di un bar dell’entroterra teatino, pensando di passare inosservati sottovalutando i controlli , disposti soprattutto in orario notturno, per il contrasto alla diffusione del Covid–19.

La donna entrata nelle grazie di un anziano, affetto da alcuni disturbi, gli avrebbe chiesto denaro e contratti di acquisto.