Mercoledì 28 Ottobre 2020

Cronaca

Lanciano, i Carabinieri scoprono in un appartamento un piccolo laboratorio per la lavorazione di Marjuana

17/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, i Carabinieri scoprono in un appartamento un piccolo laboratorio per la lavorazione di Marjuana

I carabinieri del Norm di Atessa hanno denunciato un operaio di origini campane.

Un nuovo colpo è stato assestato ieri da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo radiomobile di Atessa, diretti dal Ten. Federico Ciancio, contro la produzione e lo spaccio  di sostanza stupefacente sul territorio frentano. Sulla scia dell’operazione che giovedì scorso ha portato a Lanciano all’arresto di 4 persone e al sequestro di oltre 6 kg di droga, i militari della compagnia di Atessa hanno effettuato ieri una nuova perquisizione, sempre in un’abitazione di Lanciano, dove risiede un operaio 34enne di origini campane, ed hanno rinvenuto un piccolo laboratorio per la coltivazione, l’essiccazione ed il confezionamento di sostanza stupefacente del tipo marijuana. In casa dell'uomo i militari hanno rinvenuto e sequestrato oltre a 6 piante di marijuana, una serra termica alta 2 m x 1 m comprensiva d’impianto di areazione, illuminazione e umidificazione, necessario per la crescita. Sequestrati inoltre 160 grammi di marijuana tra quella già essiccata e quella da essiccare, un bilancino di precisione, centinaia di bustine in cellophane con chiusura ermetica, oltre a materiale vario utile per l’attività di coltivazione e confezionatura. La persona è stata denunciata in stato di libertà per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Rispetto a ieri si registrano 345 nuovi casi (di età compresa tra 1 mese e 104 anni). Dei nuovi casi, 128 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti.

“Apprendiamo con profondo dolore gli sviluppi dell’inchiesta della magistratura su alcuni episodi che sarebbero avvenuti nell’unità di cardiochirurgia del policlinico di Chieti. Abbiamo massima fiducia nel lavoro degli inquirenti e ci auguriamo che venga fatta piena luce su quanto accaduto nel più breve tempo possibile.

Nella mattinata odierna, militari del Comando Provinciale di Chieti unitamente ai colleghi delle province di Pescara, Teramo, Macerata, Ascoli e Padova hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Chieti su richiesta della Procura della Repubblica di Chieti, nei confronti di 4 soggetti residenti in Abruzzo e nelle Marche, indagati a vario titolo per corruzione, falso, turbativa d’asta e omicidio colposo per una maxi frode sulla spesa sanitaria.

Il grido di dolore e di rabbia di baristi ristoratori e dei rappresentanti delle altre categorie interessate dalle chiusure previste dal nuovo decreto.