Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

La Polizia Stradale Vasto sud arresta sulla A14 un minore alla guida di un'auto rubata a Falconara

01/09/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
La Polizia Stradale Vasto sud arresta sulla A14 un minore alla guida di un'auto rubata a Falconara

Il giovane del foggiano aveva in auto tutti gli attrezzi del mestiere per forzare le serrature dei veicoli.

Continua senza sosta l’attività di controllo della Polizia Stradale, in particolar modo della Sottosezione Autostradale di Vasto. Intorno alle ore 06.00 di ieri mattina, una pattuglia in servizio di vigilanza sulla A 14, all’altezza del km 525 (Comune di San Severo di Foggia), ha intimato l’alt ad una autovettura Volkswagen Polo di colore grigio, che viaggiava in direzione sud.

Anziché arrestare la marcia, il conducente ha iniziato ad accelerare l’andatura. Inseguito dagli agenti e vistosi raggiunto, il giovane ha deciso fermare l'auto e di abbandonarla, tentando di fuggire a piedi lungo il tracciato autostradale. Prontamente rincorso, gli agenti sono riusciti a bloccarlo per poi procedere all'identificazione.

Alla guida de mezzo vi era un 17enne di Cerignola (FG), già pregiudicato per reati contro il patrimonio e contro la persona. A bordo dell’autovettura, rubata poche ore prima a Falconara (AN), gli agenti hanno rinvenuto utensili (cacciaviti di varie dimensioni, una tenaglia e asta di ferro) e due centraline, utilizzati rispettivamente per forzare la serrature del veicolo in sosta ed avviarlo. Il minorenne è stato pertanto arrestato per furto e tradotto, come disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, presso l’Istituto carcerario per i minorenni di Bari.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.