Marted 21 Gennaio 2020

Cronaca

La Polizia di Stato di Pescara effettua servizi per la prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti

08/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
La Polizia di Stato di Pescara effettua servizi per la prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti

Nella giornata di ieri, personale della Squadra Mobile di Pescara, coadiuvato da personale del locale Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo e Polizia Municipale, ha svolto un servizio di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, su disposizione del Sig. Questore di Pescara Dott. Francesco Misiti.

Nell’ambito di detto servizio, gli operatori hanno proceduto ad effettuare due perquisizioni domiciliari in abitazioni site nel quartiere Rancitelli e nel quartiere Zanni di questo centro cittadino, avendo fondato motivo di ritenere che all’interno si detenesse sostanza stupefacente. Durante i controlli, effettuati ai sensi dell’art. 103 del D.P.R. 309/90 hanno proceduto quindi, intorno alle ore 13.30, alla perquisizione domiciliare presso l’abitazione di R.M. 38enne rinvenendo, celato all’interno di un armadio nella camera da letto circa 210 grammi di eroina, 10 grammi di cocaina, 3,5 grammi di marijuana e due bilancini di precisione. La sostanza stupefacente è stata quindi posta sotto sequestro ed R.M. tratta in arresto e sottoposta a regime deli arresti domiciliari come disposto dalla A.G. competente. Alle successive ore 17.30 circa hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione di C.O. 83enne, rinvenendo circa 26 grammi di cocaina. C.O. è stato tratto in arresto e, su disposizione della A.G., posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione in attesa di udienza direttissima nella giornata odierna.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Indelebile il ricordo di quel dramma con il dolore delle persone che hanno perso i propri cari e che chiedono ancora giustizia.

I carabinieri del nucleo antisofisticazioni hanno provveduto al sequestro di prodotti della filiera del latte e hanno sospeso alcune attività per carenze iginico sanitarie.

La donna è stata vittima di una lunga serie di maltrattamenti, lesioni e persecuzioni vere e proprie da parte dell’uomo durante una convivenza sempre più burrascosa e violenta, tanto da decidere di separarsene nel 2018.

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.