Venerdì 22 Gennaio 2021

Cronaca

La guardia di Finanza di Pescara sequestra 2.500 euro in banconote false, un arresto

29/06/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
La guardia di Finanza di Pescara sequestra 2.500 euro in banconote false, un arresto

L’intensificazione delle attività di controllo e contrasto ai fenomeni illeciti disposti dal Comando Provinciale di Pescara per il periodo estivo, ha consentito ai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, nel pomeriggio di sabato, il sequestro di 2.500 euro falsi.

Il denaro, 50 banconote da 50 euro, era detenuto da un pluripregiudicato napoletano giunto nel capoluogo adriatico con un pullman di linea proveniente dalla città partenopea. L'uomo, un 40enne, nel corso di un controllo effettuato nei pressi della zona terminal bus cittadino, è stato trovato in possesso delle banconote avvolte in un fazzoletto celato all'interno di uno zaino. Verosimilmente, il pregiudicato campano era il corriere designato per trasportare il denaro dal napoletano a destinatari pescaresi, atteso che i militari lo avevano notato in attesa già da qualche minuto nella zona del terminal bus. L’uomo, anche a seguito dei numerosi precedenti di cui risultava gravato, è stato tratto in arresto su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Pescara. Sono in corso attività di approfondimento finalizzate all’individuazione degli organizzatori dell’illecito traffico di banconote false. L'intervento repressivo conferma la particolare azione ed attenzione della Guardia di Finanza a tutela dell’economia legale, soprattutto nelle aree più frequentate e più sensibili del capoluogo (Area di risulta, Terminal bus, Stazione Ferroviaria) e, nello specifico, al fenomeno del “falso nummario”, che produce danni evidenti al commercio ed ai cittadini che, ignari, si ritrovano a detenere e spendere banconote false.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Le indagini da parte degli agenti del commissariato sono scattate dopo la denuncia di Poste Italiane.

Nella giornata di ieri, la D.I.G.O.S della Questura di Pescara insieme al personale del Servizio per il Contrasto all’Estremismo e Terrorismo Esterno della DCPP/UCIGOS ha eseguito l’ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo de L’Aquila, a carico di un 24enne, cittadino italiano, di origini abruzzesi, ma nato e residente in Svizzera, per aver partecipato ad un’associazione terroristica di matrice islamica quale Jabhat Al Nusra - affiliata al movimento terroristico Al Qaeda - e per aver diffuso attraverso la piattaforma del social network Facebook alcuni video inneggianti allo Stato Islamico.

All'alba di martedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, coadiuvati dai Reparti alla sede di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pescara – Dr.ssa Antonella Di Carlo – nei confronti di tre cittadini italiani, membri di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti e di armi fra la Lombardia e l’Abruzzo.

L’arresto, operato da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara e dalla Sezione di Teramo, è stato effettuato all’esito della perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della Procura della Repubblica di L’Aquila, durante la quale gli operatori di polizia hanno sequestrato una notevole quantità di dispositivi informatici, tra PC, Tablet e Chiavette USB.