Mercoledì 12 Agosto 2020

Cronaca

La Guardia di Finanza di Pescara sequestra 120 gr di droga, erano in plico del corriere pronto per essere spedito

23/06/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
La Guardia di Finanza di Pescara sequestra 120 gr di droga, erano in plico del corriere pronto per essere spedito

Sempre alti i livelli di attenzione da parte delle fiamme gialle contro i reati legati alla droga

Continua l’attività di prevenzione da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pescara per contrastare il traffico di sostanze stupefacenti nel capoluogo adriatico. In particolare, nella giornata di lunedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, con l’ausilio di unità cinofile del locale Gruppo, nel corso dei consueti servizi di controllo di pacchi e corrispondenza presso i corrieri di spedizione presenti sul territorio della Provincia, hanno rinvenuto un plico nel cui interno erano contenuti involucri contenenti circa 20 grammi di cocaina e 100 grammi di marijuana. Sono in corso attività di approfondimento, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, finalizzate all’individuazione degli organizzatori dell’illecito traffico di stupefacenti represso. L’operazione, conferma i massimi livelli di attenzione prestati dalle Fiamme Gialle nello specifico settore operativo, al fine di garantire maggior sicurezza nelle aree più sensibili del capoluogo (Area di risulta, Piazza Santa Caterina, Rancitelli, San Donato, Fontanelle e la zona della riviera).

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il sindaco Magnacca annuncia che la prossima volta verranno riportati a casa dei responsabili. Il Comune aumenta le fototrappole che inchiodano gli incivili.

L'associazione critica fortemente il Comune, ente gestore della riserva naturale e sottolinea: tra rifiuti, assembramenti e watt sparati viene meno la conservazione della Natura e un turismo fondato sul rispetto dei luoghi.

Il sindaco di Lanciano lancia un appello" Il virus è ancora in circolazione, dobbiamo evitare che si generi nuovo lockdown" vi invito a rispettare le norme"

“Non avrei mai voluto trovarmi di fronte ad una scelta del genere, ma quando si tratta di tutela della salute pubblica non ci sono altri argomenti che tengano. Come avevo già dichiarato in ripetute occasioni, abbiamo cercato fino alla fine di trovare una soluzione che salvasse la manifestazione tenendola ad un livello di dignità assoluta e tutelasse i nostri spettatori, ma abbiamo dovuto desistere”.