Mercoledì 12 Agosto 2020

Cronaca

La costringe a prostituirsi per 5 anni, i carabinieri di Chieti lo fermano all'aeroporto

26/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
La costringe a prostituirsi per 5 anni, i carabinieri di Chieti lo fermano all'aeroporto

E’ stato catturato ieri, all’aeroporto di Fiumicino, mentre tentava di imbarcarsi su un aereo diretto in Romania, M.C. un 27enne romeno domiciliato nel Chietino, con l’accusa pesantissima di riduzione in schiavitù, sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale continuata nei confronti di una connazionale di 23 anni.

Tutto inizia nel 2014 quando la ragazza si trasferisce in Italia in cerca di lavoro e trova sulla propria strada M.C. che la convince di essere in grado di trovarle un lavoro stabile e la ospita a casa sua: addirittura all’inizio la corteggia e i due intraprendono una relazione sentimentale. Ma l’incubo è dietro l’angolo e l’uomo ben presto si rivela violento, possessivo e geloso: non la lascia uscire se non in sua compagnia e comunque se non prima soddisfatto nei suoi bisogni più bassi. La costringe ad avere rapporti sessuali in cambio dell’ospitalità offertale e col tempo la avvia, con botte e minacce, alla prostituzione. La donna per anni non trova il coraggio di ribellarsi, nemmeno quando M.C. le fa fare degli scatti osé destinati ad un sito specializzato per pubblicizzare l’attività avviata: gli accordi erano inizialmente di una “società” dove i proventi sarebbero stati divisi equamente a metà, ma anche questa promessa rimane disattesa, in quanto l’uomo trattiene per sé quanto guadagnato dalla donna, lasciandole appena l’indispensabile per vivere. E’ solo quando, alle prime rimostranze della ragazza, stanca ormai di quella vita, l’uomo la minaccia promettendole che andrà in Romania a bruciare la casa dove vive il figlio di cinque anni, che la vittima trova il coraggio di denunciare cinque anni di violenze e soprusi ai Carabinieri, che immediatamente scrivono alla Procura di Chieti una copiosa informativa della storia. Considerando che M.C. non ha dimora fissa in Italia e che c’era un concreto pericolo di fuga, il PM Dott. Giuseppe Falasca ha emesso ieri il fermo di indiziato di delitto, che ha permesso ai Carabinieri di Fiumicino di bloccare l’uomo poco prima dell’imbarco per la Romania. E’ la fine di un incubo per la ragazza che finalmente potrà tornare ad una vita normale.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti Carabinieri

Potrebbero interessarti

Il sindaco di Lanciano lancia un appello" Il virus è ancora in circolazione, dobbiamo evitare che si generi nuovo lockdown" vi invito a rispettare le norme"

“Non avrei mai voluto trovarmi di fronte ad una scelta del genere, ma quando si tratta di tutela della salute pubblica non ci sono altri argomenti che tengano. Come avevo già dichiarato in ripetute occasioni, abbiamo cercato fino alla fine di trovare una soluzione che salvasse la manifestazione tenendola ad un livello di dignità assoluta e tutelasse i nostri spettatori, ma abbiamo dovuto desistere”.

“Della situazione che si è venuta a verificare al Playa Blanco di Fossacesia Marina sono venuto a conoscenza ieri, nel tardo pomeriggio, quando sono stato contattato dalla titolare, Patrizia Spadano

Erano partiti dalla Badia di Sulmona (Aq), i due escursionisti toscani, una coppia di fidanzati di 28 e 32 anni, hanno percorso il Sentiero dello Spirito sul Morrone ed erano diretti a Rocca Caramanico (Pe). Purtroppo però la coppia toscana ha perso l’orientamento e ha imboccato un sentiero sbagliato che li ha portati in quota, nel territorio di Salle (Pe) a 1.900 metri di altezza.