Domenica 19 Settembre 2021

Cronaca

L'Aquila, umilia e sottopone a violenze la mamma e la sorella, divieto di avvicinamento per un uomo di 54 anni

14/09/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
L'Aquila, umilia e sottopone a violenze la mamma e la sorella, divieto di avvicinamento per un uomo di 54 anni

L'uomo, con problemi legati all'assunzione di droga, aveva rubato in casa alcuni monili per procurarsi del denaro, ma dalla denuncia alla scoperta delle violenze il passo è stato breve.

Nel pomeriggio di ieri, 13 settembre 2021, gli agenti delle Volanti della Questura di L’Aquila hanno eseguito la misura cautelare del divieto di avvicinamento e dell’allontanamento dalla casa famigliare nei confronti di P.P., aquilano di 54 anni, il quale da anni umiliava e sottoponeva a violenze la propria madre di 80 anni e la sorella di 40.

La situazione è precipitata nelle settimane scorse quando, a seguito di una chiamata al 113, la Polizia di Stato è dovuta intervenire tempestivamente a casa delle vittime. Le donne hanno riferito agli agenti che l'uomo aveva sottratto diversi oggetti d’oro di famiglia, custoditi dall’anziana madre. La sorella aveva cercato di fermarlo ma lui le aveva risposto che se avesse voluto recuperare i preziosi si sarebbe dovuta recare presso i compro oro della zona. Il personale di Polizia, con una rapida attività d’indagine, è riuscito a recuperare alcuni monili ceduti ai compro oro raccogliendo dettagliate denunce di tutte le violenze psicologiche e fisiche subite dalle donne negli ultimi 10 anni, rese sempre più esasperate soprattutto dalla dipendenza alle droghe del 54enne. P.P., già pregiudicato per diversi reati e sottoposto all’avviso orale del emesso dal Questore di L’Aquila, è stato quindi sottoposto alla nuova misura cautelare con la quale il G.I.P. del Tribunale di L’Aquila ha disposto il divieto di avvicinarsi alle vittime.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Lo annuncia la Asl che si unisce al cordoglio e si fa portavoce dei colleghi della neonatologia di Chieti e dei tanti piccoli pazienti che la dottoressa ha curato, che vogliono ringraziarla per la sue grandi doti professionali e per il suo cuore grande.

L'avvocato 48enne di Pescara era scomparso sulla Maiella oltre due anni fa.

Cerimonia a Pescara alla quale hanno partecipato i familiari, la signora Giuseppina e il figlio Alberico, le autorità civili, militari e religiose.

70 pazienti (-3 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 7 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva