Giovedì 21 Gennaio 2021

Cronaca

L'Aquila, maltramenti in famiglia, eseguita misura cautelare in carcere

13/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
L'Aquila, maltramenti in famiglia, eseguita misura cautelare in carcere

Nella giornata di ieri, 12 gennaio, la Squadra Mobile di L’Aquila ha eseguito l’ordinanza emessa dal GIP dr. Baldovino DE SENSI, su richiesta del Sostituto Procuratore dr. Guido COCCO, con cui è stata disposta l’applicazione della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di M.C., 52enne cittadino italiano.

Le articolate indagini, avviate a seguito della querela presentata dall’ex compagna dell’indagato, hanno permesso agli investigatori della Squadra Mobile di acquisire precisi ed oggettivi indizi di colpevolezza nei confronti dell’uomo, accusato di violenza sessuale, atti persecutori e violenza privata verso la vittima.
Grazie all’assoluta sinergia operativa tra la Polizia di Stato e la Procura aquilana, che ha sapientemente coordinato le indagini, è stato possibile prospettare al GIP un solido e univoco quadro indiziario nei confronti dell’indagato, già gravato da numerosi precedenti penali.
I poliziotti, a seguito di mirati servizi di osservazione, hanno rintracciato l’uomo in provincia di Frosinone, dove risiede e lavora, e, dopo gli adempimenti di legge, lo hanno condotto presso la Casa di Reclusione di Vasto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Il Questore di L’Aquila, dr. Gennaro CAPOLUONGO, ha affermato: “ Il risultato è frutto della professionalità e della sensibilità degli investigatori e dell’Autorità Giudiziaria, sempre attenti a prevenire e reprimere gli odiosi episodi di violenza perpetrati verso le vittime vulnerabili”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Nella giornata di ieri, la D.I.G.O.S della Questura di Pescara insieme al personale del Servizio per il Contrasto all’Estremismo e Terrorismo Esterno della DCPP/UCIGOS ha eseguito l’ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo de L’Aquila, a carico di un 24enne, cittadino italiano, di origini abruzzesi, ma nato e residente in Svizzera, per aver partecipato ad un’associazione terroristica di matrice islamica quale Jabhat Al Nusra - affiliata al movimento terroristico Al Qaeda - e per aver diffuso attraverso la piattaforma del social network Facebook alcuni video inneggianti allo Stato Islamico.

All'alba di martedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, coadiuvati dai Reparti alla sede di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pescara – Dr.ssa Antonella Di Carlo – nei confronti di tre cittadini italiani, membri di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti e di armi fra la Lombardia e l’Abruzzo.

L’arresto, operato da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara e dalla Sezione di Teramo, è stato effettuato all’esito della perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della Procura della Repubblica di L’Aquila, durante la quale gli operatori di polizia hanno sequestrato una notevole quantità di dispositivi informatici, tra PC, Tablet e Chiavette USB.

I titolari dei locali hanno ricevuto anche sanzioni amministrative per 400 euro.