Lunedì 04 Luglio 2022

Cronaca

L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo, un bimbo morto e cinque feriti

18/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo, un bimbo morto e cinque feriti

Ansa

Un’automobile parcheggiata in discesa, si mette improvvisamente in marcia e finisce la sua corsa nell’area esterna di un asilo dove in quel momento stava giocando un gruppo di bimbi travolgendoli.

È la terribile tragedia avvenuta oggi a L’Aquila. Il mezzo nella sua folle corsa ha prima sfondato la recinzione per poi colpire i bimbi della Scuola dell’Infanzia “I Maggio”. Un bimbo di 4 anni, purtroppo. non ce l'ha fatta: è morto poco dopo l'arrivo in ospedale, nonostante il tentativo disperato di rianimazione che è andato avanti per circa 40 minuti. Cinque i piccoli rimasti feriti.
Sul posto sono intervenute ambulanze, Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri e Vigili urbani.

"Abbiamo appreso questa tragica notizia paradossalmente mentre stavamo festeggiando Il primo bambino nato a Fontecchio, nelle aree interne, dopo l’approvazione della legge sullo spopolamento; il primo nato che ha ricevuto il contributo alla natalità. Siamo tutti sconvolti e vicini al dolore delle famiglie. Speriamo che questa tragedia non si aggravi, siamo in contatto con i sanitari per seguire costantemente l’evolversi della situazione". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, dopo aver appreso il grave incidente avvenuto davanti un asilo dell'Aquila.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila

Potrebbero interessarti

Tantissimi gli attestati di cordoglio da parte del mondo culturale frentano e di quanti hanno avuto l'onore di conoscerlo e condividere con lui un percorso lavorativo e di studio.

L'Arma dei carabinieri si dimostra ancora una volta sensibile alle problematiche della cittadinanza e pronta a tendere una mano alle persone in difficoltà.

È successo venerdì mattina, intorno alle ore 10. Un uomo, disteso accanto alla sua auto, ha provato a tagliarsi le vene con un taglierino. Provvidenziale l’intervento delle Guardie Giurate Sicuritalia Ivri.

Secondo quanto emerso dalle indagini, eseguite dai Carabinieri e coordinate dalla Procura, l'arrestato avrebbe erogato alla vittima prestiti con tassi di interesse dal 100% al 400 % annuo.