Giovedì 04 Marzo 2021

Cronaca

L'Aquila, ancora un incendio doloso, brucia la zona boschiva di Cansatessa

31/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
L'Aquila, ancora un incendio doloso, brucia la zona boschiva di Cansatessa

Il presidente della Regione lancia appello ai cittadini: se avete visto qualcosa denunciate anche in forma anonima per individuare il piromane.

Nel primo pomeriggio di oggi è scoppiato un vasto incendio che sta interessando la zona boschiva adiacente le abitazioni di Cansatessa, vicino L'Aquila. Le forze in campo già impegnate da ieri nella gestione dell'incendio che ha interessato il bosco di Arischia, hanno dovuto distribuire le dotazioni di uomini e mezzi nei due incendi, chiamando a supporto tutte le forze disponibili; anche il 9° reggimento Alpini, attivato dal Prefetto di L'Aquila, ha prontamente messo a disposizione uomini e mezzi a supporto dei Vigili del Fuoco, Volontari di Protezione Civile e Carabinieri Forestali. In campo, a pieno regime, sono stati impiegati 3 elicotteri tra cui quello regionale, 5 Canadair, un Erickson e circa 80 uomini tra volontari, vigili del fuoco, carabinieri forestali; il forte vento ha sicuramente contribuito al propagarsi delle fiamme che in alcuni momenti hanno raggiunto altezze impressionanti. Il presidente della regione Abruzzo, Marco Marsilio, ha effettuato un sopralluogo nelle zone interessate constatando il danno inestimabile subito dal patrimonio boschivo. "Invito tutti i cittadini che hanno notizie o hanno visto qualcosa di sospetto - ha detto il presidente Marsilio - a comunicare, anche in forma anonima, alle forze dell'ordine qualsivoglia informazione utile all'individuazione di chi, sciaguratamente, sta mandando in fumo ettari di bosco, patrimonio di tutti. I Carabinieri Forestali presenti sul posto, hanno individuato la zona di innesco dell'incendio di Monte Omo di Arischia escludendo categoricamente una causa accidentale o di autocombustione; l'incendio, a loro dire, è assolutamente doloso e la concomitanza di innesco con l'incendio di Cansatessa lascia presagire lo stesso disegno criminale".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La sezione antidroga della Squadra Mobile di Pescara li teneva d’occhio da un po’ di tempo. Lunedì pomeriggio, quando i due si sono incontrati in una stradina periferica di Montesilvano, gli investigatori hanno notato un uomo di 38 anni, C.T., nato in provincia di Milano e residente a Montesilvano, consegnare un pacchetto a S.P., venticinquenne di Pescara.

I militari appongono i sigilli ad un capannone di 2.600 mq.

Undici i pazienti deceduti. Dei nuovi cittadini abruzzesi positivi 94 hanno un'età inferiore ai 19 anni.

Continuano i controlli della Guardia di Finanza nella provincia di Chieti per il contenimento del rischio da contagio COVID-19. Con il perdurare dell’emergenza epidemiologica sono stati intensificati i servizi di controllo del territorio