Sabato 16 Gennaio 2021

Cronaca

Incidente stradale mortale sulla Statale Frentana, a San Vito Chietino, perde la vita un 22enne di Lanciano

12/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Incidente stradale mortale sulla Statale Frentana, a San Vito Chietino, perde la vita un 22enne di Lanciano

Fatale lo scontro frontale con un'auto guidata da una donna, anche lei rimasta ferita.

Tragedia la scorsa notte, intorno all'una, sulla Strada Statale Frentana, in territorio di San Vito Chietino. Un giovane di 22 di Lanciano, Dominik Dell'Elce, ha perso la vita ed una donna è rimasta ferita nella scontro frontale tra le rispettive auto. Secondo una prima ricostruzione, il giovane era alla guida della sua Grande Punto, quando, per cause sconosciute, in località Castellana,sarebbe avvenuto l'impatto violento con la Lancia Y guidata da S.D.B, 44 anni di Lanciano. Dominik Dell'Elce sarebbe morto sul colpo, mentre la donna è stata soccorsa dal sanitari del 118 e trasportata all'ospedale di Chieti per un politrauma. Le sue condizioni non sarebbero gravi. Sul posto per i rilievi i Carabinieri della Compagnia di Ortona ed i Vigili del Fuoco. E' stata disposta, dal sostituto procuratore di Lanciano, Serena Rossi, l'autopsia sul corpo del giovane. Sotto sequestro le due auto.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Gli agenti sono intervenuti in un parco pubblico cittadino frequentato da minori dopo aver ricevuto una segnalazione.

Sono 9 i decessi in Abruzzo.Scendono di 36 unità gli attualmente positivi in Abruzzo che sono complessivamente 11180

Immobili, società commerciali ed una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro sono stati sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Chieti ad un noto pregiudicato calabrese di anni 39, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in questa provincia.

Si è svolta questa mattina la conferenza di servizi decisiva dello Ministero dello Sviluppo Economico, una conferenza attesa da oltre due anni, per chiudere una procedura avviata nel 2014 dalla società Seastock per la realizzazione di un deposito GPL nel porto di Ortona e avallata con una delibera di giunta dall’allora amministrazione comunale guidata da Enzo d’Ottavio.