Mercoledì 25 Novembre 2020

Cronaca

Incendio sulla montagna di Arischia, continua l'incisiva azione di spegnimento

30/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Incendio sulla montagna di Arischia, continua l'incisiva azione di spegnimento

Notevole il dispiegamento di uomini e mezzi. All'opera volontari della Protezione civile, i vigili del fuoco e 5 Canadair e due elicotteri.

Proseguono le operazioni di contenimento e spegnimento del vasto incendio che si è sviluppato dalle prime ore del pomeriggio nella montagna che domina l'abitato di Arischia. Sul posto si sono portati prontamente 40 volontari di Protezione civile, oltre a 35 vigili del fuoco.

All'opera anche cinque Canadair, il primo dei quali partito pochi minuti dopo la segnalazione dell'incendio, un elicottero dell'Esercito e l'elicottero Airbus AS 350 BA in dotazione alla Protezione civile regionale che si approvvigiona nella vasca allestita al campo sportivo del paese e rifornita dai vigili del fuoco. Le operazioni, con il coordinamento della sala operativa della Protezione civile regionale, andranno avanti fino al tramonto e riprenderanno all'alba di domani. Un presidio di volontari garantirà la sorveglianza da terra durante le ore notturne. Sul posto sono presenti il responsabile della Protezione civile regionale, Silvio Liberatore, il direttore regionale dei vigili del fuoco Stefano Marsella , l'assessore comunale alla Protezione civile Fabrizio Taranta ed il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi in comunicazione costante con il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Sono complessivamente 24288 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 640 nuovi casi (di età compresa tra 10 mesi e 100 anni).

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Teramo al termine delle indagini avviate dopo alcune segnalazioni che denunciavano lo stato di evidente degrado delle pile dei viadotti della A24, e in particolare di quelli ricadenti nel territorio teramano.

L'uomo, un 38enne, ha detto agli agenti che si stava recando in una clinica, sita in un altro comune, per una visita, ma è stato sbugiardato da un controllo della Polizia.

Una decisione presa per precauzione. Le condizioni del manager sono buone.