Sabato 16 Gennaio 2021

Cronaca

Incendi a L’Aquila, il Prefetto si reca nei posti di comando avanzato degli operatori impegnati

01/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Incendi a L’Aquila, il Prefetto si reca  nei posti di comando avanzato degli operatori impegnati

Per un diretto aggiornamento della situazione connessa agli incendi sviluppatisi ed in corso nel Comune dell’Aquila, nel pomeriggio di oggi il Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco, si è recata presso i posti di comando avanzato nelle località di Cansatessa-Pettino ed Arischia, le zone più direttamente colpite dalla vastità dei roghi.

Il Prefetto ha inteso portare la vicinanza delle Istituzioni agli operatori della Protezione Civile Regionale, dei Vigili del Fuoco e di tutte le istituzioni a vario titolo impegnate in questo difficile momento e ha altresì ringraziato tutte le donne e gli uomini che si stanno adoperando con grande spirito di sacrificio per fronteggiare nel miglior modo possibile lo stato emergenziale in corso.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila Incendi

Potrebbero interessarti

Gli agenti sono intervenuti in un parco pubblico cittadino frequentato da minori dopo aver ricevuto una segnalazione.

Sono 9 i decessi in Abruzzo.Scendono di 36 unità gli attualmente positivi in Abruzzo che sono complessivamente 11180

Immobili, società commerciali ed una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro sono stati sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Chieti ad un noto pregiudicato calabrese di anni 39, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in questa provincia.

Si è svolta questa mattina la conferenza di servizi decisiva dello Ministero dello Sviluppo Economico, una conferenza attesa da oltre due anni, per chiudere una procedura avviata nel 2014 dalla società Seastock per la realizzazione di un deposito GPL nel porto di Ortona e avallata con una delibera di giunta dall’allora amministrazione comunale guidata da Enzo d’Ottavio.