Sabato 16 Gennaio 2021

Cronaca

Incendi a L'Aquila, continuano le operazioni di spegnimento nella zona del Monte Omo ad Arischia

01/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

Si è concluso il terzo giorno delle operazioni di spegnimento dei vasti incendi boschivi che hanno interessato l'Aquilano nella zona del Monte Omo ad Arischia e in quella di Monte di Pettino a Cansatessa.

Impegnati 60 volontari della Protezione Civile, 44 militari del 9°Reggimento Alpini, 58 Vigili del Fuoco oltre alla flotta aerea Nazionale del centro Italia composta da 7 Canadair e 4 elicotteri messa a disposizione dal Coau (Centro Operativo Aereo Unificato) che ha garantito la massima disponibilità possibile a seguito di una videoconferenza tenutasi questa mattina a cui hanno preso parte il responsabile della Protezione Civile Regionale, ing. Silvio Liberatore, il SOUP (Sala Operativa Unificata Permanente), il coordinatore della Protezione Civile Nazionale Luigi D’Angelo, i vertici dei Vigili del Fuoco, i vertici del corpo dei Carabinieri Forestali e appunto i vertici del Coau. Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, ha seguito costantemente il lavoro svolto nel corso della giornata. Si è lavorato ininterrottamente e in sinergia per garantire la sicurezza delle abitazioni più prossime agli incendi. Durante la notte verrà garantito il presidio dell’intera area interessata coordinato dalla Sala Operativa.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Gli agenti sono intervenuti in un parco pubblico cittadino frequentato da minori dopo aver ricevuto una segnalazione.

Sono 9 i decessi in Abruzzo.Scendono di 36 unità gli attualmente positivi in Abruzzo che sono complessivamente 11180

Immobili, società commerciali ed una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro sono stati sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Chieti ad un noto pregiudicato calabrese di anni 39, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in questa provincia.

Si è svolta questa mattina la conferenza di servizi decisiva dello Ministero dello Sviluppo Economico, una conferenza attesa da oltre due anni, per chiudere una procedura avviata nel 2014 dalla società Seastock per la realizzazione di un deposito GPL nel porto di Ortona e avallata con una delibera di giunta dall’allora amministrazione comunale guidata da Enzo d’Ottavio.