Marted 02 Marzo 2021

Cronaca

Il Soccorso Alpino ricorda con un'esercitazione i 5 caduti di Monte Cefalone

24/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
 Il Soccorso Alpino ricorda con un'esercitazione i 5 caduti di Monte Cefalone

Una commemorazione volta anche a rimarcare l’importanza della cultura del soccorso e della prevenzione in montagna, fondamentali per salvare altre vite umane

Il Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo si è ritrovato stamattina a mezzogiorno sul Monte Cefalone, sul punto in cui è avvenuto l’incidente, per commemorare con un’esercitazione i cinque eroi del 24 gennaio, che quattro anno fa persero la vita mentre cercavano di salvarne una. “Oggi - spiega il presidente del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo, Daniele Perilli - ricordiamo le cinque vittime del 24 gennaio 2017, ma un pensiero va a tutti quelli che ogni giorno sacrificano la loro vita a beneficio di quella degli altri. Sono sanitari, tecnici, piloti e volontari, a cui vogliamo dedicare questa commemorazione e questa esercitazione, per non dimenticare e imparare dal passato per migliorare il presente e il futuro”.

 

 

Il 24 gennaio di quattro anni fa morirono a causa dell’incidente cinque persone: Walter Bucci, 57 anni, medico rianimatore del 118 Asl dell'Aquila, veterano del Soccorso alpino e speleologico, nei giorni precedenti alla tragedia aveva prestato soccorso a Rigopiano. Insieme a lui c'era anche Davide De Carolis di 39 anni, tecnico dell'elisoccorso del Soccorso alpino e speleologico e consigliere comunale di Santo Stefano di Sessanio. Nello schianto hanno perso la vita anche Giuseppe Serpetti, infermiere del 118, Mario Matrella di 42 anni, tecnico verricellista della società di aviazione Inaer e tecnico del Soccorso Alpino e Speleologico Puglia, Gianmarco Zavoli, pilota. L'elicottero stava trasportando Ettore Palanca, 50 anni, di Roma, maitre dell'Hotel Cavalieri Hilton. Mentre sciava l'uomo si era fratturato tibia e perone. Bucci, De Carolis e Serpetti erano aquilani, Matrella era pugliese e Zavoli era emiliano. L’esercitazione commemorativa di stamattina rimarca l’importanza della cultura del soccorso e della prevenzione in montagna, fondamentali per salvare altre vite umane. Un impegno che i membri del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo conoscono bene e per cui si battono ogni giorno, come dimostrano i numerosi interventi effettuati.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo CNSAS

Potrebbero interessarti

Appello del sindaco: Stiamo molto attenti soprattutto i ragazzi. La Dad non autorizza i più grandi ad uscire. Chiedo ai genitori maggiori controlli.

Pupillo: "siamo in un momento delicato, comportamenti che hanno determinato la contagiosità del virus sono da criticare, sono da irresponsabili"

Il Coordinamento sottolinea: Ancora cemento sulla spiaggia, ancora a poca distanza dall'acqua. E il paesaggio? E il rischio erosione?

"Non esistono categorie e ordini professionali che possano usufruire di scorciatoie perché la Direzione Asl non le ha accordate ad alcuno, per rispetto scrupoloso delle regole e del diritto alla salute di tutti."