Marted 01 Dicembre 2020

Cronaca

I Carabinieri Forestale sequestrano in un terreno a Collecorvino rifiuti speciali, denunciato un 35enne

16/06/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
I Carabinieri Forestale sequestrano in un terreno a Collecorvino rifiuti speciali, denunciato un 35enne

Nella proprietà privata è stato trovato molto materiale: cabine di furgoni dismesse, “quad” smontati, materiale ferroso accumulato all’interno di un vecchio cassone di camion, parti di motore e molti altri rifiuti.

I Militari delle Stazioni Forestale e Territoriale di Collecorvino (PE) nei giorni scorsi hanno eseguito il sequestro, già convalidato, di un terreno in Località “Case Lupi” di Collecorvino (PE), denunciando alla Procura della Repubblica di Pescara un trentacinquenne disoccupato del posto per gestione illecita, abbandono e/o deposito incontrollato di rifiuti.

 

Infatti, su un terreno di proprietà privata, di circa 120 metri quadrati, erano stati abbandonati diversi rifiuti speciali derivanti da attività di riparazione meccanica, tra cui cabine di furgoni dismesse, “quad” smontati, materiale ferroso accumulato all’interno di un vecchio cassone di camion appoggiato a terra, sportelli di furgone dismessi, parti e motori di camion e sedili di auto/furgoni smontati, cerchi con pneumatici di auto e/o furgone, una pedana in legno con vari dischi dei freni arrugginiti, svariati radiatori, serbatoi carburante, giunti di trasmissione, parti in plastica di veicoli e svariate bottiglie di vetro vuote. I rifiuti sequestrati sono stati affidati in custodia giudiziale allo stesso indagato che, oltre a conservarli, rischia di doverli rimuovere e, nel caso più grave, di essere condannato all’arresto da sei mesi a due anni e al pagamento di un’ammenda da 2.600 a 26.000 €, se si accerterà la presenza di rifiuti pericolosi. All’Autorità Giudiziaria competente, oltre agli atti del sequestro effettuato congiuntamente, le suddette Stazioni Carabinieri di Collecorvino (PE) hanno trasmesso anche un apposito fascicolo fotografico realizzato durante il sopralluogo.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il cordoglio del direttore generale, Thomas Schael, del direttore amministrativo, Giulietta Capocasa deI direttore sanitario, Angelo Muraglia e del Il direttore Risorse umane, Manuela Loffredo.

Giuseppe Pio D’Astolfo è a tratti lucido ma ancora molto fragile. Il percorso di riabilitazione intrapreso sarà lungo e complesso. I familiari non possono vederlo per via del Covid e chiedono aiuto: “Vogliamo essergli accanto”

Continuano i controlli della Polizia Amministrativa per verificare il rispetto delle disposizioni contenute nel DPCM del 03 novembre scorso e nell’Ordinanza emessa dal Presidente della Regione Abruzzo che al fine di contrastare la diffusione del COVID-19, hanno stabilito regole ancora più restrittive alle quali devono attenersi tutti i cittadini e i titolari delle attività commerciali in regime di zona rossa.

Gruppo Toto:"Ribadita la piena legittimità dell’assegnazione dei lavori alla Toto Costruzioni. Verità emersa, procedure rispettate”