Domenica 09 Maggio 2021

Cronaca

Giulianova: maxi sequestro di vongole da parte della Guardia Costiera

18/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Giulianova: maxi sequestro di vongole da parte della Guardia Costiera

Nell'ambito dell'operazione sono stati controllati numerosi pescherecci e sequestrati sei quintali di prodotto ittico poi gettati in mare.

Gli uomini della Guardia Costiera di Giulianova hanno eseguito un'importante operazione di controllo al porto di Giulianova nel giorno di San Valentino, con il sequestro complessivo di 6 quintali di prodotto ittico, sono state inoltre comminate numerose sanzioni. Al mattino è stato sequestrato un quintale di vongole a bordo di veicoli circolanti nell'ambito portuale e, in un caso, occultato all'interno del vano riservato alla ruota di scorta del veicolo, artificiosamente predisposto per il contenimento illecito del prodotto ittico. Inoltre, nell'ambito dei controlli della Guardia Costiera di Gulianova, è stato scoperto un uomo che stava provvedendo al recupero di mezza tonnellata di vongole - eccedente i 400 chili consentiti che aveva occultato nel locale motori di un peschereccio. L'uomo è stato bloccato a bordo di un'autovettura mentre cercava di allontanarsi dal porto. A conclusione dell'attività di controllo, oltre al sequestro dei complessivi 6 quintali di prodotto ittico, sono scattate - a carico di armatori e conducenti dei veicoli - sanzioni per un ammontare complessivo di 10 mila euro in materia sanitaria e di pesca, con il contestuale rigetto in mare del prodotto ittico.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Ritrovato stanotte l’uomo di 47 anni disperso in Calabria, lo hanno ritrovato infreddolito mentre vagava scalzo, dopo aver attraversato una zona fluviale. Importante il supporto del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo, che ha partecipato alle ricerche con il proprio cane molecolare e il suo conduttore partiti ieri per raggiungere Trebisacce, in provincia di Cosenza.

D'Angelo e Verratti: Il Corpo di Polizia locale ha dimostrato grande professionalità nonché azioni dall’alto profilo umano e sociale

La SOA scrive al prefetto e a altri enti: sanzionare questi comportamenti, serve sorveglianza.

il TAR Abruzzo, Sez. L’Aquila, nega la sospensiva richiesta dalla ditta.