Marted 29 Novembre 2022

Cronaca

Gdf Chieti, sequestrati circa 31.000 articoli contraffatti e prodotti di cancelleria non sicuri.

04/10/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Gdf Chieti, sequestrati circa 31.000 articoli contraffatti e prodotti di cancelleria non sicuri.

Il Comando Provinciale di Chieti, con più operazioni, ha sequestrato circa 31.000 articoli di cancelleria, abbigliamento e vario genere, in violazione dell’art. 474 del Codice Penale (introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi) e del D.Lgs. 206/2005 (Codice del Consumo).

Il Comando Provinciale di Chieti, in concomitanza con l’inizio del nuovo anno scolastico e nell’ambito di un più ampio piano finalizzato a prevenire e contrastare il commercio di materiale contraffatto, non sicuro e dannoso per la salute, con più operazioni, ha sequestrato circa 31.000 articoli di cancelleria, abbigliamento e vario genere, in violazione dell’art. 474 del Codice Penale (introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi) e del D.Lgs. 206/2005 (Codice del Consumo).

I militari del Gruppo Chieti, in un’attività commerciale in San Giovanni Teatino, hanno posto sotto sequestro oltre 1.000 articoli scolastici (compassi, matite acquerello e colorate, pinze di legno, set acquerelli, colori acrilici, pasta in lattice e colorata) non conformi agli standard di sicurezza previsti dalla normativa europea e nazionale. Gli articoli esposti erano privi delle informazioni previste per legge in quanto non riportanti, in forma chiaramente leggibile, le istruzioni in lingua italiana, un’adeguata nota informativa per il loro utilizzo o precise indicazioni sulle caratteristiche merceologiche dei prodotti, che devono essere riportate al momento in cui sono posti in vendita, a tutela del consumatore.

Il rappresentante dell’esercizio commerciale è stato segnalato alla Camera di Commercio per violazioni amministrative inerenti alla sicurezza dei prodotti e l’applicazione della prevista sanzione amministrativa da 516,00 a 25.823,00 euro ai sensi dell’art. 12 del Codice del Consumo.

Le Fiamme Gialle della Tenenza di Ortona, in due esercizi commerciali di Vasto e Rocca San Giovanni, hanno sequestrato circa 5.000 articoli contraffatti, tra cui capi di abbigliamento aventi marchio “Ralph Lauren” e carte da gioco della tipologia “UNO” e “Pokemon”.

Non di minor rilievo è stata l’attività che ha consentito ai Finanzieri ortonesi, nel corso della costante e capillare azione di controllo sulla Costa dei Trabocchi, di pervenire al sequestro di oltre 25.000 prodotti distinti tra abbigliamento, articoli di merchandising, accessori scolastici, per l’ufficio e decorativi, bigiotteria tutti riportanti, in maniera contraffatta, loghi o marchi di note griffes quali Louis Vuitton, Gucci, Fendi, Yves Saint Laurent, Chanel, Dior, Adidas e Nike.

Quattro, in totale, le persone deferite all’Autorità giudiziaria per introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, reato punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a euro 20.000, e quattro, invece, i soggetti segnalati alla Camera di Commercio per violazioni al Codice del Consumo;

L’attenzione investigativa è ora rivolta alla ricostruzione della filiera del falso per l’individuazione dei centri di stoccaggio presenti sul territorio nazionale e all’esame della posizione fiscale dei soggetti coinvolti, attraverso la documentazione contabile acquisita.

Il Comandante Provinciale – Col. Michele Iadarola – ha evidenziato come questi risultati di servizio confermino l’elevato e costante livello di attenzione della Guardia di Finanza nel contrastare la diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza, contribuendo così a garantire una protezione efficace dei consumatori e un mercato competitivo, ove gli operatori economici onesti possano beneficiare di condizioni eque di concorrenza.

L’ufficiale ha sottolineato, altresì, che la contraffazione è un moltiplicatore d’illegalità e alimenta i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’evasione fiscale, del riciclaggio e della criminalità organizzata.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Chieti ha accertato, a carico di un soggetto titolare di una ditta attiva nel settore edile, violazioni alle limitazioni dell'uso del contante, con operazioni volutamente frazionate, per l’acquisto di materiali edilizi.

Si tratta della seconda persona coinvolta nella grave aggressione avvenuta a Giugno che ha già portato all'arresto di un 38enne di Montesilvano. Individuato e denunciato dai carabinieri anche il terzo aggressore sempre del pescarese.

gli oltre 70mila euro ottenuti grazie all’aggiudicazione di fondi rientranti Fondo Europeo diSviluppo Regionale nel programma POR-FESR Abruzzo 2014/2020

Il Comandante Colonnello Antonio Caputo: tutela del consumatore contro incauti acquisti è fondamentale. fare attenzione ai prezzi troppo bassi e nel dubbio chiamare il 117, sempre a disposizione dei cittadini