Domenica 09 Maggio 2021

Cronaca

Francavilla al Mare, picchia un uomo per un debito di droga, arrestato dai carabinieri

25/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Francavilla al Mare, picchia un uomo per un debito di droga, arrestato dai carabinieri

L'uomo, di origini albanesi, deve scontare una pena per aver partecipato ad una spedizione punitiva avvenuta nel 2012.

Sapeva che sulla testa gli pendeva l’ordine di carcerazione, ma nel frattempo si era rifatto una vita e lavorava come operaio presso una ditta del teramano, M.K. il 27enne di origini albanesi, arrestato ieri dai Carabinieri della Stazione di Villamagna su ordine dell’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello dell’Aquila. Dell'esito della sentenza era già stato informato ed è per questo che si era presentato qualche giorno fa al carcere di Madonna del Freddo, ma è stato rimandato a casa in quanto il provvedimento non era ancora arrivato. Sono stati i Carabinieri quindi a notificargli il dispositivo e a tradurlo in cella dove l’uomo dovrà scontare sei anni, per aver partecipato, nel 2012, ad una spedizione punitiva con tentativo di estorsione, nei confronti di un giovane di Francavilla al Mare (CH) che aveva, con lui e altri tre connazionali, un debito di droga di duemila euro. La vittima era stata minacciata per mesi e infine picchiata per riottenere il denaro.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Ritrovato stanotte l’uomo di 47 anni disperso in Calabria, lo hanno ritrovato infreddolito mentre vagava scalzo, dopo aver attraversato una zona fluviale. Importante il supporto del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo, che ha partecipato alle ricerche con il proprio cane molecolare e il suo conduttore partiti ieri per raggiungere Trebisacce, in provincia di Cosenza.

D'Angelo e Verratti: Il Corpo di Polizia locale ha dimostrato grande professionalità nonché azioni dall’alto profilo umano e sociale

La SOA scrive al prefetto e a altri enti: sanzionare questi comportamenti, serve sorveglianza.

il TAR Abruzzo, Sez. L’Aquila, nega la sospensiva richiesta dalla ditta.