Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Francavilla al Mare, picchia selvaggiamente la compagna, arrestato dai carabinieri

07/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Francavilla al Mare, picchia selvaggiamente la compagna, arrestato dai carabinieri

Stava scontando una pena per reati predatori e spaccio di stupefacenti con il regime dell’affidamento in prova ai servizi sociali, un 34enne pescarese residente a Francavilla al mare, arrestato dai carabinieri su ordine del Tribunale di Sorveglianza di Pescara, con l’accusa di rapina, lesioni personali e minaccia.

La coppia aveva organizzano una giornata al mare con alcuni amici ma al momento di rincasare, intorno alle 20.00 a causa delle restrizioni dell'uomo, la compagna lo saluta dicendo che lei tornerà a casa con le amiche. L’uomo diventa una furia, insinua che la compagna ne approfitterà per uscire senza di lui e la colpisce con due pugni allo stomaco tanto da farla accasciare a terra. Poi le afferra le chiavi di casa, il cellulare e fugge via.
La donna chiede aiuto ad una passante che le presta il cellulare per chiamare la mamma a soccorrerla. La madre accompagna la ragazza a casa dell’uomo con l’intento di recuperare il maltolto, ma qui di nuovo M.F. la picchia con una tale violenza da strapparle i vestiti. Poi, pensando che la madre abbia chiamato i carabinieri, si affretta a salire su a casa, non prima di essersi tenuto le chiavi dell’abitazione della compagna, minacciando di bruciarla. 
Mamma e figlia denunciano immediatamente alla stazione di Miglianico quanto accaduto ed i militari della stazione di Francavilla al Mare arrestano l’uomo che da ieri si trova nel carcere di Pescara per scontare il resto della pena ed affrontare le nuove accuse.

La donna vittima di violenza dopo essere stata visitata dai sanitari del 118 ha riportato una prognosi di 10 gg.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Francavilla al Mare

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.