Sabato 08 Agosto 2020

Cronaca

Fossacesia, ordigni bellici ritrovati in mare a Fosso Palazzo da un sub

30/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Fossacesia, ordigni bellici ritrovati in mare a Fosso Palazzo da un sub

la foto scattata dal sub Antonio Bellini

Scattano le misure di sicurezza da parte della Capitaneria di porto.

Alcuni ordigni risalenti alla Seconda Guerra Mondiale sono stati scoperti casualmente da un sub questa mattina nel tratto di mare prospiciente località Fosso Palazzo, a metà del Lungomare di Fossacesia Marina. Della scoperta è stata immediatamente avvertita la Capitaneria di Porto di Ortona e la Prefettura di Chieti. “Sono scattate immediatamente tutte le procedure di sicurezza previste – ha affermato il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio -. Ringrazio Antonio Bellini, il sub che durante la sua immersione ha notato la presenze delle bombe . La Capitaneria di Porto , che ha subito interpellato la Prefettura, ha emesso un’ordinanza che vieta in quel tratto di specchio d’acqua la balneazione, il transito e qualsiasi altra attività sia lungo la spiaggia che in mare per turisti, villeggianti e cittadini. Si tratta di ovvie e necessarie precauzioni in attesa che si proceda quanto prima alla rimozione degli ordigni, in modo che si si possa riprendere tanto le frequentazioni della spiaggia libera lì presente che su quelle in gestione. Siamo alla vigilia di agosto – conclude Di Giuseppantonio - e Fossacesia Marina vedrà crescere ulteriormente la presenza di bagnanti sul suo litorale”. Il tratto di acqua dove sono state localizzati i residuati bellici è interdetto per un raggio di 200 metri con apposita ordinanza della Capitaneria e con segnaletica a mare.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Alla donna è stato riconosciuto un ruolo determinante in seno all'organizzazione dedita al trasporto e allo spaccio di cocaina ed una pericolosità sociale.

Tra loro 7 minorenni tra i 15 e i 17 anni, tutti asintomatici, Lo conferma la Asl di Teramo

Operazione congiunta delle forze dell'ordine, come era stato preannunciato dal sindaco nei giorni scorsi, volta a ripristinare la legalità anche nel commercio.

La Guardia di Finanza di Ortona, ha sottoposto a sequestro 35.000 litri di gasolio stoccato in un deposito non autorizzato di Atessa (CH).