Domenica 20 Settembre 2020

Cronaca

Fossacesia, il sindaco Di Giuseppantonio: aumentare l'attenzione sul tema alcol e minori

04/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Fossacesia, il sindaco Di Giuseppantonio: aumentare l'attenzione sul tema alcol e minori

Il sindaco con fermezza annuncia che sarà aumentata la sorveglianza nei locali per punire chi vende bibite alcoliche ai minori e lancia un appello ai giovani: L'amore e l'amicizia non hanno bisogno di stupefacenti.

“La vendita di alcol ai minori non può essere fatta perché la salute dei più giovani deve essere tutelata, con ogni mezzo. Ciò vale ovunque come a Fossacesia, che ha una posizione ferma in tale ambito e ha sempre scelto di non abbassare la guardia per contrastare la vendita di alcolici a minorenni e alla tutela della salute dei più giovani, dei turisti e dei cittadini”. “Desidero rivolgere un appello ai nostri giovani-aggiunge il sindaco- affinché comprendano che ci si può divertire anche in modo semplice e sano. Imparate a dare valore alla vostra splendida e preziosa vita. L’amore è l’amicizia non hanno bisogno di stupefacenti”. E’ un intervento deciso e un forte richiamo a coloro che vendono prodotti alcolici ai minori da parte del Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, preoccupato per l’abuso di alcol che si sta registrando ovunque in Italia , soprattutto nelle località turistiche particolarmente affollate in questo periodo. “E’ necessario contrastare i tentativi di aggirare le norme per ridurre l’abuso di alcol da parte dei minori che porta con sé una serie di problematiche – afferma il primo cittadino di Fossacesia Di Giuseppantonio -. Aumenteremo la sorveglianza, così come concordato questa mattina in un incontro con il comandante della stazione dei carabinieri di Fossacesia Tommaso Panìco e della Polizia Municipale Fiorenzo Laudadio, e agiremo per scovare chi tenterà di eludere i controlli come rivolgersi ad attività che hanno nella loro offerta merceologica gli alcolici e superalcolici. A Fossacesia parleremo ancora con i gestori dei locali dal momento che il problema è anche loro, insieme alle forze dell’ordine, alle quali va il nostro ringraziamento per quanto fanno quotidianamente”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I Carabinieri del Norm di Atessa e i colleghi di Archi hanno atteso che la donna rientrasse in Italia per dare esecuzione al provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari emesso nei suoi confronti.

Un innesto importante perché coincide con un momento delicato come quello della riapertura delle scuole, con tantissimi studenti abruzzesi che utilizzano quotidianamente il trasporto pubblico per le attività scolastiche.

Una settimana di intensa attività preventiva/repressiva volta ad arginare impropri comportamenti in ambito ferroviari ed a sensibilizzare i viaggiatori al rispetto delle misure anti covid – 19.