Domenica 28 Febbraio 2021

Cronaca

Festa a base di cocaina in pieno Covid in un bar: denunciato il titolare e quattro segnalati alla Prefettura

19/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Festa a base di cocaina in pieno Covid in un bar: denunciato il titolare e quattro segnalati alla Prefettura

Si erano chiusi in piena notte all’interno di un bar dell’entroterra teatino, pensando di passare inosservati sottovalutando i controlli , disposti soprattutto in orario notturno, per il contrasto alla diffusione del Covid–19.

È appena passata la mezzanotte, quando una pattuglia dei carabinieri scorge la luce accesa in un bar del pedemontano: si fermano pensando ad un furto in atto, ma dalla vetrina vedono chiaramente quattro persone sedute ad un tavolino intente a consumare bevande alcoliche. Una volta entrati, succede un parapiglia generale, con gli avventori che cercano di nascondere qualcosa. In particolare, coprono con una scatola in cartone un oggetto sul tavolo. Sotto, i militari trovano un piatto in ceramica con sopra una riga di sostanza bianca poi risultata cocaina ed una scheda telefonica con tracce della stessa sostanza. Inizia dunque la perquisizione personale e domiciliare, durante la quale vengono trovati altra cocaina pronta da consumare con delle banconote arrotolate che servivano per sniffarla e un frammento di hashish. Il gestore del bar è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed agevolazione al consumo, mentre gli avventori sono stati segnalati quale assuntori alla Prefettura di Chieti. Tutti e quattro sono stati contravvenzionati per aver violato il coprifuoco, in base alla normativa vigente. Il bar, inoltre, è stato chiuso per 5 giorni.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti

Potrebbero interessarti

Si registra un'importante adesione della cittadinanza alla campagna anticovid sul territorio del chietino

Lo prevede l'ordinanza firmata nella serata di sabato dal governatore Marco Marsilio.

La vittima, una donna di nazionalità romena, da tempo veniva vessata ed aggredita dal suo ex fino a dover ricorrere ad un centro antiviolenza.

Ha riconosciuto su una piattaforma di vendite on-line la sua console X-Box 360 che qualcuno, la settimana scorsa, gli aveva rubato nel suo appartamento a Pescara e ha organizzato un incontro con il venditore senza dimenticarsi di avvisare il “113”.