Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Due scippatori di Francavilla presi dai Carabinieri, la Procura ordina l'arresto

02/04/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Due scippatori di Francavilla presi dai Carabinieri, la Procura ordina l'arresto

Erano stati identificati e denunciati con una indagine lampo dei carabinieri della stazione di Francavilla al mare, i due giovani autori dello scippo di due settimane fa avvenuto in pieno giorno, vittima una 84enne del posto durante il breve tragitto da casa al parrucchiere.

L'anziana si era vista spuntare all’improvviso una ragazza che, dopo averle puntato qualcosa di appuntito, le aveva strappato la borsa di dosso, dileguandosi a bordo di un’autovettura bianca guidata da un complice.

Ieri la Dott.ssa Marika Ponziani della Procura ed il G.I.P. Dott. Luca De Ninis del Tribunale di Chieti avevano ordinato l’arresto di un 32enne di Cepagatti ed una 37enne di Pescara per rapina in concorso e lesioni personali, aggravati dalla recidiva infraquiquennale: per questo i militari hanno immediatamente attivato le ricerche dei due, cosa affatto semplice dato che i giovani sono senza fissa dimora.
Gli investigatori quindi individuano la loro posizione attraverso i cellulari.
I militari passano due giorni, senza sosta, a battere a tappeto la zona individuata e, nella serata di ieri, trovano i due giovani mentre passeggiano mano nella mano in una via del centro di Pescara. Scattano immediatamente le manette per entrambi e naturalmente, anche la perquisizione del domicilio di fortuna trovato dopo lo scippo. Qui i militari trovano siringhe usate, una dose di hashish e tre paia di occhiali acquistati qualche giorno prima, a dire della ragazza, con una carta di credito rubata, dando ulteriori spunti per le indagini. La serata per i due è terminata nelle carceri di Chieti e Vasto.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.