Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Droga, cocaina rosa in casa, arrestato 43enne dai Carabinieri di Francavilla al Mare

20/04/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Droga, cocaina rosa in casa, arrestato 43enne dai Carabinieri di Francavilla al Mare

Riceveva le richieste di sostanze stupefacenti via Telegram ed il ritiro avveniva nella sua abitazione.

D.D.L., un 43enne originario del foggiano, è stato arrestato dai Carabinieri di Francavilla al Mare per detenzione ai fini di spaccio di droga. L'uomo, affidato in prova, era tenuto sotto stretta osservazione dai militari dell'Arma che, assieme a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile avendo notato troppi movimenti nella sua abitazione hanno deciso di indagare scoprendo che il foggiano, non potendo uscire liberamente per distribuire il proprio “prodotto”, riceveva le richieste via Telegram e faceva in modo che il ritiro avvenisse direttamente a casa sua.

Le forze dell'ordine hanno deciso subito di monitorare la clientela all’uscita ed un pomeriggio, verso l’imbrunire, un ragazzo è stato visto salire e scendere dopo pochi minuti: fermato e controllato assieme all’amico gli viene trovata della cocaina rosa. Così i militari, visto che l'uomo era anche in regime di affidamento in prova, con la scusa di un controllo, entrano nell’abitazione e nel corso della perquisizione trovano oltre 69 grammi di cocaina “rosa”. Ovviamente in una pochette da donna aveva anche i soldi appena consegnati dal ragazzo acquirente, circa € 290. Il magistrato di turno, Dott.ssa Marika Ponziani ha disposto l’immediato arresto, così D.L.L. è finito al carcere di Poggioreale. I due acquirenti, provenienti dal pescarese, sono stati anche sanzionati per la violazione delle normative sul Covid.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.