Marted 11 Agosto 2020

Cronaca

Deposita foto hot della moglie in tribunale, denunciato dai carabinieri

02/11/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Deposita foto hot della moglie in tribunale, denunciato dai carabinieri

Che le separazioni non siano mai semplici è un dato di fatto, ma ciò che è arrivato a fare un marito nel corso del procedimento civile ha quasi dell’assurdo.

Da un po’ di tempo Mario e Giulia non vanno più d’accordo: litigi continui e piccole ripicche quotidiane fanno sì che la coppia decida di separarsi, nonostante ci siano due figli piccoli nati dall’unione. La procedura consensuale non sembra essere un’opzione per i due, che sin da subito per mezzo dei propri avvocati, si danno battaglia a suon di accuse reciproche in sede di udienza, per addebitare l’uno all’altra le responsabilità del fallimento del matrimonio. Il punto cruciale sul quale Mario fa leva è che la moglie non si dedicava alla cura della casa, che le stanze erano sempre in disordine e che quindi la moglie non ottemperasse ai doveri che derivano dal matrimonio, per intenderci quelli contenuti nell’art. 143 del codice civile che testualmente recita: “Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia.” Quindi per dimostrare il caos mantenuto in casa dalla moglie, Mario ritiene opportuno depositare in Tribunale un cd contenente foto in cui la Giulia si ritrae in pose sessualmente esplicite (tra l’altro inviate a Mario su sua richiesta) e nei quali si intravedrebbe sullo sfondo il disordine presente in casa. Ovviamente, quando l’avvocato di Giulia ha preso visione degli atti depositati dalla controparte ha avuto un sussulto che l’ha indotto immediatamente ad informare la donna: istantanea la decisione di sporgere querela presso i carabinieri della Compagnia di Chieti per il nuovo articolo n. 612 ter del codice penale che vieta qualsiasi diffusione di immagini sessualmente esplicite senza il consenso dell’interessato, il cosiddetto “revenge porn”. Sarà la Procura di Chieti, alla quale Mario è stato denunciato, a decidere se il deposito presso l’Autorità Giudiziaria integri la fattispecie, ma nel frattempo Giulia ha chiesto la cancellazione dei file dal fascicolo.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti Carabinieri

Potrebbero interessarti

Il sindaco di Lanciano lancia un appello" Il virus è ancora in circolazione, dobbiamo evitare che si generi nuovo lockdown" vi invito a rispettare le norme"

“Non avrei mai voluto trovarmi di fronte ad una scelta del genere, ma quando si tratta di tutela della salute pubblica non ci sono altri argomenti che tengano. Come avevo già dichiarato in ripetute occasioni, abbiamo cercato fino alla fine di trovare una soluzione che salvasse la manifestazione tenendola ad un livello di dignità assoluta e tutelasse i nostri spettatori, ma abbiamo dovuto desistere”.

“Della situazione che si è venuta a verificare al Playa Blanco di Fossacesia Marina sono venuto a conoscenza ieri, nel tardo pomeriggio, quando sono stato contattato dalla titolare, Patrizia Spadano

Erano partiti dalla Badia di Sulmona (Aq), i due escursionisti toscani, una coppia di fidanzati di 28 e 32 anni, hanno percorso il Sentiero dello Spirito sul Morrone ed erano diretti a Rocca Caramanico (Pe). Purtroppo però la coppia toscana ha perso l’orientamento e ha imboccato un sentiero sbagliato che li ha portati in quota, nel territorio di Salle (Pe) a 1.900 metri di altezza.