Sabato 27 Febbraio 2021

Cronaca

Denunciata dai carabinieri di Chieti scalo per circonvenzione di incapace una dogsitter

18/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Denunciata dai carabinieri di Chieti scalo per circonvenzione di incapace una dogsitter

La donna entrata nelle grazie di un anziano, affetto da alcuni disturbi, gli avrebbe chiesto denaro e contratti di acquisto.

Una 49enne è stata denunciata dai carabinieri della Stazione di Chieti scalo per circonvenzione di incapace. Avrebbe raggirato un anziano dal quale era stata ingaggiata per accudire i suoi cani. Il signore, che soffre di patologie neuro-cognitive diagnosticategli da tempo, una volta morta la moglie, era diventato per la dogsitter la giusta preda alla quale spillare denaro. L'anziano dopo la scomparsa della consorte infatti, pur avendo tre figli che lo accudiscono amorevolmente era rimasto solo. La dogsitter per lui era diventata un punto di riferimento quotidiano. La donna avrebbe iniziato però a chiedergli insistentemente del denaro e, nel periodo analizzato dai carabinieri, si sarebbe fatta accreditare, a più riprese, sulla carta prepagata, più di 5.000 euro. Inoltre , sempre aprofittando del suo stato, gli avrebbe fatto firmare alcuni finanziamenti per l’acquisto di televisori, uno smartphone e un computer, per un valore di 1.600 euro. I figli dell'anziano si sono accorti che qualcosa di strano stesse accadendo quando ricevettero a casa una multa per un’autovettura sconosciuta: l’obbligato in solido era il padre, ma l’auto non l’avevano mai vista. Quando i familiari della vittima si sono recati in caserma, convinti di un errore, hanno scoperto la verità. Il padre aveva firmato il contratto di acquisto, ma di fatto il veicolo la donna lo aveva consegnata a suo fratello, destinatario della contravvenzione. I carabinieri hanno documentato gli acquisti con cura ed hanno ottenuto dal gip del Tribunale di Chieti, Dott. Andrea Di Berardino, un’ordinanza di divieto di avvicinamento ed il sequestro preventivo della macchina e della carta di credito prepagata intestata alla donna per impedirle di prosciugare il patrimonio del malcapitato anziano.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti Carabinieri

Potrebbero interessarti

9 i nuovi decessi. Crescono i ricoveri in terapia intensiva, più 3 rispetto a ieri.

Per una settimana saranno garantiti solo ricoveri urgenti e interventi salvavita e per patologie oncologiche.

Collaborazione della Sasi con l'Istituto Superiore di Sanità per individuare tracce del virus nei liquami fognari.

La donna dopo tre anni dai fatti a lei contestati dovrà scontare la pena in carcere per decisione della Procura generale della repubblica dell'Aquila.