Sabato 04 Aprile 2020

Cronaca

Cuccioli di Bouledogue francese sequestrati a Corropoli(Te), saranno assegnati tramite asta telematica

26/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Cuccioli di Bouledogue francese  sequestrati a Corropoli(Te), saranno assegnati tramite asta telematica

Per poter adottare i cuccioli bisognerà essere maggiorenni e presentare domanda sul sito www.astacuccioli.it

Saranno venduti attravesro un'asta telematica i nove cuccioli di razza Bouledogue francese, sequestrati la scorsa estate a Corropoli (Teramo), dai Carabinieri Forestali dei Nuclei Cites di Ancona, Fermo e dalla Stazione Forestale di San Benedetto del Tronto.

L'asta prenderà il via l'8 febbraio prossimo. I cuccioli erano stati sequestrati dai Carabinieri perchè importati illegalmente dall'estero da due trafficanti residenti nei Comuni di Acquaviva Picena e Corropoli. I cani di razza, di appena 40 giorni di vita, erano stati trovati in seguito ad un controllo dei militari dell'arma, stipati nel vano posteriore di un'auto. Erano privi di vaccinazioni, microchip e documenti d'importazione. I cagnolini erano stati subito affidati alle cure dell'Ospedale veterinario universitario didattico dell'Università di Teramo, diretto dal dott. Augusto Carluccio, che ha sottoposto i cani alle prime cure e accertamenti diagnostici. A disporre l'asta online per consentirne l'adozione definitiva è stata la Procura di Teramo. L'offerta sarà consentita solo da parte di persone maggiorenni e dovrà essere presentata sul sito www.astacuccioli.it.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I primi risultati del sequenziamento del genoma indicano che il virus è stabile, probabilmente collegato ai focolai del Nord Italia e ai focolai del Nord Europa

L'attività del Nas si inserisce nella verifica della violazione delle norme relative al decreto del Governo per l'emergenza Covid -19

TUA monitora costantemente i flussi di traffico in questa fase particolarmente critica e aggiorna i servizi in base alle rilevazioni che quotidianamente riceve e analizza.

lo annuncia con una lettera aperta ai cittadini il priore della Confraternita Morte ed Orazione San Filippo Neri