Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Covid-19 in Abruzzo 35 casi positivi. Dati aggiornati all’11 settembre 2020

11/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Covid-19 in Abruzzo 35 casi positivi. Dati aggiornati all’11 settembre 2020

Rispetto a ieri si registrano 35 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 75 anni), mentre il numero dei pazienti deceduti resta fermo a 472

Sono complessivamente 3967 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 35 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 75 anni), mentre il numero dei pazienti deceduti resta fermo a 472. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 2954 dimessi/guariti (+7 rispetto a ieri, di cui 14 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 2940 che hanno cioè risolto i sintomi dell’infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 541 (+28 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 172308 test. 36 pazienti (+1 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 4 (+1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 501 (+27 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 549 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+22 rispetto a ieri), 934 in provincia di Chieti (+2), 1725 in provincia di Pescara (+7), 728 in provincia di Teramo (+5), 30 fuori regione (-1) e 1 (invariato) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Si precisa che tutti i casi riferiti alla provincia dell’Aquila sono riferiti a tracciamenti di focolai o casi singoli già noti. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità. Il prossimo report sarà trasmesso lunedì 14 settembre (REGFLASH) FRAFLA 200911

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.

L'associazione ambientalista esegue una ricognizione e scopre una situazione sconcertante con la scoperta di sversamenti illeciti.