Marted 02 Marzo 2021

Cronaca

Coronavirus, sospensione delle attività didattiche della scuola dell'infanzia di Marcianese fino a venerdì 26 febbraio

22/02/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, sospensione delle attività didattiche della scuola dell'infanzia di Marcianese fino a venerdì 26 febbraio

Accertata la positività al tampone molecolare di 9 bambini e 3 operatori scolastici.

Il Sindaco Mario Pupillo ha emesso questa mattina l'ordinanza di sospensione delle attività didattiche in presenza della scuola dell'infanzia di Marcianese. La decisione è stata assunta di concerto con l'Assessore alla Pubblica Istruzione Giacinto Verna e il dirigente dell'Istituto Don Milani di cui fa parte il plesso scolastico, Prof. Mario Gaeta. Alla luce delle recenti comunicazioni della Asl che attestano la positività al tampone molecolare di 9 bambini e 3 operatori scolastici delle sezioni della scuola dell'infanzia di Marcianese, in via prudenziale e in considerazione del divieto di utilizzare dispositivi di protezione per i bambini al di sotto dei 6 anni di età, sono sospese le attività didattiche in presenza delle sezioni della scuola fino a venerdì.

"La situazione dei contagi nelle scuole dell'obbligo che svolgono attività in presenza è, al momento, sotto controllo ma in costante monitoraggio. Su una popolazione di 2746 alunni delle primarie e prima media, abbiamo ad oggi 11 alunni positivi e 41 bimbi in quarantena: il tasso di positività è pari allo 0.4%, a fronte di un tasso di positività cittadino dello 0,8%. La situazione contagi nelle scuole in presenza merita un'attenzione e una valutazione quotidiana che approfondiamo con l'Assessore Verna e gli uffici comunali, in stretto contatto con i Dirigenti che incontreremo sul punto oggi pomeriggio in videoconferenza. Ad oggi, questi sono i dati relativi alle scuole in presenza: 2 positivi e la relativa classe di appartenenza di 21 alunni in quarantena da oggi nella scuola di Principe di Piemonte; 4 positivi nella primaria di Marcianese e 12 in isolamento fiduciario; 1 positivo nella scuola Rocco Carabba e 2 in isolamento fiduciario; 1 positivo nella scuola primaria 7 in isolamento fiduciario nella scuola Olmo di Riccio; 1 positivo nella scuola Bellisario; 1 positivo nella scuola Giardino dei Bimbi; 1 positivo nella scuola media Umberto I.

In città i dati dei contagi sono saliti in pochi giorni da 200 a 275, con una rapida ascesa negli ultimi giorni che ci preoccupa e ci tiene in allarme. La grande partecipazione allo screening del fine settimana, con 7484 tamponi eseguiti che hanno permesso di individuare 41 positivi asintomatici, testimonia il senso civico della maggioranza dei cittadini lancianesi e il valore straordinario dei volontari i campo: una menzione particolare di merito per gli 850 piccoli concittadini dell'età della scuola dell'obbligo in presenza che si sono sottoposti al tampone e per i giovani delle superiori che hanno raccolto l'invito dei rappresentanti d'istituto, oltre che dei dirigenti scolastici, a partecipare in massa. Raccomandiamo la massima prudenza e una maggiore attenzione alle prescrizioni disposte dalla zona rossa: siamo pronti ad assumere provvedimenti ulteriormente restrittivi se l'andamento dei contagi dovesse confermarsi in crescita nei prossimi giorni. Non possiamo permetterci distrazioni o ulteriori peggioramenti alla luce dei dati che ci arrivano dagli ospedali abruzzesi, dai reparti saturi alle terapie intensive al tasso di occupazione allarmante del 40%", commenta il Sindaco Mario Pupillo.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

51 nuovi contagiati sono di età inferiore a 19 anni. Scendono di 133 unità gli attualmente positivi ma salgono i ricoveri in ospedale e nel reparto terapia intensiva.

I poliziotti della Volante lo hanno notato mentre scavalcava, nelle prime ore di stamattina, la recinzione di un’area condominiale non lontana dalla Tiburtina Valeria, a Pescara.

Appello del sindaco: Stiamo molto attenti soprattutto i ragazzi. La Dad non autorizza i più grandi ad uscire. Chiedo ai genitori maggiori controlli.

Pupillo: "siamo in un momento delicato, comportamenti che hanno determinato la contagiosità del virus sono da criticare, sono da irresponsabili"